Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1050
RAGUSA - 17/04/2011
Attualità - Ragusa: ad Ibla Don Pietro Floridia ha impartito la benedizione tra i fedeli

E´ cominciata la settimana santa tra religiosità e folklore

Gli appuntamenti più sentiti a Ragusa, Scicli, Comiso, Modica ed Ispica
Foto CorrierediRagusa.it

La domenica delle Palme ha aperto la settimana santa che porterà alla domenica di Pasqua attraverso tutta una serie di celebrazioni e riti religiosi nei vari centri della provincia. La Pasqua porta con sé anche le manifestazioni folkloristiche tutte ispirate dal Vangelo, reinterpretate nel segno della tradizione e dal sentire popolare. Ispica con le processioni del Giovedì santo , Modica con la «Madonna Vasa Vasa»,, Ragusa con le Quarantore, Vittoria con il Venerdì Santo, Comiso con «A’ Paci», a Scicli "U´ Gioia",
sono i riti più attesi e più sentiti ed attirano non solo la partecipazione dei fedeli ma anche dei turisti attratti da una religiosità sentita.

La Settimana Santa è iniziata a Ragusa Ibla nella suggestiva cornice dei Giardini iblei, palme e ulivi portati dai fedeli e benedetti da Don Pietro Floridia (nella foto), parroco di S. Giorgio. Subito dopo, è stato dato il via alla processione fin dentro San Giorgio. La cerimonia è proseguita con la celebrazione della messa caratterizzata dal ricordo del trionfale ingresso di Gesù a Gerusalemme, osannato dalla folla che lo salutava agitando rami di palma. Tanti i fedeli che hanno animato il momento che dà il via ai riti della Settimana santa caratterizzati, a Ibla, dalla celebrazione delle Quarantore di adorazione del Santissimo Sacramento per ricordare le quaranta ore durante le quali Gesù rimase nel Sepolcro.

Nel pomeriggio tre le processioni animate dalle confraternite che, recanti i simulacri che rispettivamente le contraddistinguono, si sono recate in processione lungo le vie del quartiere barocco sino al Duomo; l’Addolorata, La Maddalena e Gesù alla Colonna riportato nella chiesa di San Francesco all’Immacolata, luogo in cui era collocato originariamente prima del restauro conclusosi nel dicembre scorso.

A Modica molto partecipata nel centro storico la processione, partita dalla chiesa del Rosario, che ha attraversato la via Grimaldi e si è conclusa a S. Pietro dove le palme sono state benedette.