Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 965
RAGUSA - 04/04/2011
Attualità - Ragusa: lo scontro si acuisce sul futuro lavorativo

Sindacati contro sui precari Asp e protesta a Palermo

La vicenda legata alla loro stabilizzazione ritorna prepotentemente alla ribalta

I precari della Azienda Sanitaria tornano sul piede di guerra. Oggi si riuniscono in assemblea e sono pronti a dirigersi verso Palermo. La vicenda legata alla loro stabilizzazione ritorna prepotentemente alla ribalta e la Cgil si è mobilitata denunciando il cambiamento dei termini dell’accordo raggiunto a Palermo un mese fa con l’assessore alla sanità Massimo Russo. La Regione vuole infatti modificare l’accordo ed ha proposto il finanziamento di un progetto teso a sostenere la drammatica situazione dei profughi sulle coste ragusane e il fenomeno del randagismo per tutto quest’anno. Il personale impiegato a tempo pieno sarebbero ausiliari, cuochi e operai.

L’assessore regionale inoltre vuole coinvolgere la Prefettura per determinare l´assunzione dei precari da parte delle ditte che vinceranno gli appalti per la pulizia dei due ospedali della città e delle Rsa di Ragusa e Comiso. E’ anche prevista la possibilità di affidare ai precari, associati in cooperativa, il servizio di pulizia e manutenzione nelle strutture sanitarie.

Evidente il cambiamento dei termini rispetto al precedente accordo, un progetto annuale, rinnovabile, che avrebbe consentito ai precari di continuare a lavorare all’interno delle strutture sanitarie. La Cgil non è d’accordo e denuncia la situazione, non accettando la esternalizzazione dei servizi da svolgere negli ospedali. Dice la Cgil « la proposta non è convincente ed in contrasto con la linea sindacale, espressa più volte, e che considera l´esternalizzazione dei servizi improduttiva e più onerosa per l´amministrazione pubblica».

«sposteremo il presidio direttamente a Palermo –dice il segretario generale Giovanni Avola. Il segretario Cgil se la prende anche con il suo omologo Cisl Enzo Romeo: « La posizione della Cisl mi sembra– un´azione di sciacallaggio sindacale: sulla pelle dei lavoratori si intende giocare una stucchevole partita con la Cgil, quando sino in gioco il futuro di decine di posti di lavoro. Non credo che Enzo Romeo ponga le condizioni per una battaglia unitaria assumendo questa posizione».

Il deputato regionale del Pd Roberto Ammatuna spiega che «l´assessorato alla Salute e il dirigente dell´Asp di Ragusa intendono proseguire sulla strada delle esternalizzazioni, senza tenere conto del futuro lavorativo e della qualità dei servizi garantiti in questi anni dai precari». Ammatuna chiede che l´assessorato regionale alla Salute risponda ad un interrogativo: «Qual è l´utilità di ricorrere alle esternalizzazioni, quando vi sono dubbi legittimi sull´economicità e sulla qualità dei servizi offerti?».