Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:27 - Lettori online 827
RAGUSA - 31/03/2011
Attualità - Ragusa: sanità, pronto un altro taglio per il biennio 2011/12

Asp 7, salta il progetto «L’accoglienza con un sorriso»

Grazie all’ammortizzatore sociale, 30 giovani dai 18 ai 27 anni accoglievano e davano informazioni con «un sorriso» a pazienti e parenti
Foto CorrierediRagusa.it

Non partirà per quest´anno il servizio civile interno all´Asp 7 (nella foto la sede di piazza Igea) denominato «L’accoglienza con un sorriso». Circa 30 giovani dai 18 ai 27 anni che attendevano di lavorare almeno per un anno, resteranno a casa. Da più di tre anni, l’azienda di piazza Igea, come altri enti, usufruiva di questo ammortizzatore sociale dello Stato per dare lavoro temporaneo ai giovani della provincia di Ragusa.

L´ammortizzatore sociale, avrebbe consentito soprattutto in un momento di crisi occupazionale come questo, di dare un sostegno mensile di 439 euro a 30 ragazzi diplomati e laureati. Non si conoscono ancora i motivi di questo blocco, ma è verosimile pensare che l´accreditamento annuale per la prosecuzione di questo servizio, o non è stato effettuato o è stato fatto fuori dai termini previsti.

Forse solo il direttore generale, Ettore Gilotta, potrà dare lumi sulla vicenda. Il problema adesso è che non essendo avvenuto questo accreditamento per il biennio 2011/2012, il finanziamento statale non arriverà prima di due anni, sempre che l´anno prossimo si proceda alla richiesta. L´ulteriore risvolto di questa triste vicenda, non è solo quello legato ad una occupazione temporanea di 30 ragazzi, ma l´assenza del servizio stesso che negli anni è stato certamente apprezzato dai numerosi utenti delle strutture ospedaliere.Questi giovani infatti, si occupavano di informare ed accompagnare i fruitori dei servizi ospedalieri nei vari reparti, difatti questo progetto era denominato «l´accoglienza con un sorriso».