Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 821
RAGUSA - 31/03/2011
Attualità - Ragusa: per proteggere il tempio dagli incivili

Cattedrale S. Giovanni, vandali out con una cancellata

Lo annuncia il delegato al turismo del capoluogo ibleo Filippo Angelica Foto Corrierediragusa.it

Sarà protetto, con la creazione di una nuova cancellata, il sagrato della cattedrale di San Giovanni Battista a Ragusa. Lo annuncia il delegato al turismo del capoluogo ibleo, Filippo Angelica, dopo l´inserimento di appositi fondi nel piano di spesa della legge speciale 61/81, destinati a riqualificare il centro storico. L´intervento programmato servirà a tutelare la chiesa dall´azione dei vandali che purtroppo hanno già causato dei grossi danni.

«Qualche mese fa, in occasione di un incontro avuto con mons. Tidona, parroco della cattedrale, mi è stata segnalata la necessità di un intervento presso il sagrato in quanto danneggiato da atti vandalici e scarabocchi vari da parte di alcuni balordi. Invitato da Tidona, ho svolto anche un sopralluogo durante il quale mi sono reso conto della gravità dei fatti denunciati.

Atti vandalici che stavano mettendo a rischio l´integrità e lo splendore della nostra chiesa. Lo stesso parroco mi ha suggerito l´idea di realizzare una cancellata di pregio che potesse proteggere l´intera area. Mi sono fatto portavoce della proposta presso il sindaco Nello Dipasquale per l´inserimento all´interno del piano di spesa.

Un risultato raggiunto qualche giorno fa con il relativo passaggio consumato all´interno della commissione centri storici». Nel piano c´è adesso una voce con la dicitura «Realizzazione cancellata sagrato della cattedrale di San Giovanni», con un impegno iniziale di 30 milaeuro.

«Va sicuramente riconosciuto il positivo impegno che sta mettendo in campo mons. Tidona per cercare di rilanciare l´interesse sulla cattedrale e sul centro storico – continua Angelica – così come va riconosciuta la sensibilità dimostrata dal sindaco Dipasquale, che venendo a conoscenza di tale esigenza, non ha esitato ad intervenire prontamente. Non va dimenticato che il sagrato, unitamente alla cattedrale, oltre da essere un luogo di culto per i fedeli ragusani, è uno dei siti più belli dal punto di vista artistico e monumentale della città e va tutelato al massimo delle possibilità».