Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 671
RAGUSA - 25/03/2011
Attualità - Ragusa: la pratica sessuale richiede un fisico allenato, a rischio gli amanti occasionali

Rischio infarto per chi non fa regolarmente sesso

Sono i dati di una ricerca del Tufts medical center di Boston

L´esercizio sotto le lenzuola è quasi come uno sport: per farlo bisogna avere il fisico. Guai dunque ad improvvisarsi amanti "bollenti" per una notte, quando alle spalle ci sono settimane di poca attività: si rischia non tanto il flop e la figuraccia davanti alla partner, quanto addirittura il pericolo di cadere vittima di infarto e altri guai cardiaci dei quali si può addirittura morire.

A mettere in guardia gli "amanti occasionali" sono i ricercatori del Tufts Medical Center di Boston: i pericoli del sesso sfrenato una tantum sono gli stessi che si corrono quando si compie attività fisica intensa senza adeguato allenamento. Gli studiosi hanno effettuato una revisione di 14 studi, dai quali hanno concluso che il rischio di morte si incrementa di 2,7 volte per chi si cimenta in imprese amatorie senza adeguata preparazione atletica e di 3,5 volte per chi, nonostante condizioni fisiche arrugginite, si butta a capofitto nello sport. Nessun pericolo invece per chi fa abitualmente movimento fisico, anche nel caso di una notte d´amore particolarmente bollente.

Secondo i dati riportati, più è regolare l´attività fisica più si abbassa il rischio episodico per il cuore, ovvero il pericolo di un infarto o di insufficienza cardiaca legata a quel singolo evento in cui il fisico si è trovato sotto sforzo. Da qui le ricercatrici concludono che il modo migliore per evitare problemi è fare un allenamento graduale e senza strappi. Insomma, la "pratica" protegge contro il pericolo di infarto.