Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 983
RAGUSA - 23/03/2011
Attualità - Ragusa: inaugurata la mostra a palazzo Garofalo, resterà aperta fino al 30 Aprile

"Artisti attorno a Quasimodo" celebra i 150 anni dell´Unità

Esposte 42 opere di maestri italiani del ’900, da Cantatore a Guttuso

«Artisti attorno a Quasimodo» è la mostra inaugurata a palazzo Garofalo, nel cuore di Ragusa. Si tratta di 42 opere dedicate al Nobel modicano da parte di pittori del calibro di Guttuso, Sassu, Manzù, Brindisi, Tassinari, Cantatore, Cassinari, Birolli. Tra i quadri esposti anche un originale Montale in versione pittore. Ci sono anche alcuni ritratti del poeta eseguiti dagli amici pittori appartenenti al gruppo di intellettuali riunitosi attorno alla rivista milanese «Corrente».

La mostra è organizzata dalla Soprintendenza e dal Museo Interdisciplinare di Ragusa, con il patrocinio del Comune di Ragusa, del Comune di Modica e della Provincia regionale di Ragusa. E’ inserita nel programma delle manifestazioni per le celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Prima del taglio del nastro, si è svolta una breve conferenza di presentazione. Tra i presenti Gesualdo Campo, dirigente generale del Dipartimento regionale Beni Culturali e Identità Siciliana che quando svolgeva le sue funzioni di sovrintendente a Ragusa nel 1991 contribuì ad acquistare il patrimonio della famiglia Quasimodo istituendo a Modica la Biblioteca-museo regionale Salvatore Quasimodo.

La legge regionale n. 19 del 1996 ha poi previsto l’istituzione a Modica dell’archivio-biblioteca diretto alla divulgazione ed alla valorizzazione dell’opera di Quasimodo, impegnando il Comune a sistemarlo in locali idonei. Della valenza della mostra ha parlato Alessandro Ferrara, attuale soprintendente di Ragusa che ha voluto ricordare la genesi dell’allestimento. «Preso atto del suo indubbio valore – ha detto Ferrara – ho desiderato che quella straordinaria collezione dovesse essere oggetto di una mostra a Ragusa. L’idea era di realizzarla attorno al periodo delle festività di fine anno, ma, nel frattempo, il prefetto di Ragusa, cercò di coinvolgere le istituzioni locali in un comune progetto per i festeggiamenti del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Assieme all’arch. Giovanna Susan, dirigente del Museo Interdisciplinare, abbiamo raccolto l’invito decidendo di inaugurare la mostra per il 21 marzo».
La mostra potrà essere visitata, fino a fine aprile, tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle 9,30 alle 19,30.