Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 841
RAGUSA - 06/03/2011
Attualità - Ragusa: l’assessore regionale Massimo Russo ha dato il via libera ai progetti

C´è un futuro per i precari Asp ma la protesta continua

I lavoratori vogliono la formalizzazione degli atti prima di smantellare la tenda di piazza Igea

La vertenza dei precari dell´Asp sembra essere arrivata alla sua fine. L´assessore regionale alla Sanità, Massimo Russo, ha firmato le autorizzazioni ad avviare i progetti utili per riportare al lavoro cuochi, ausiliari ed operai. Quanto era stato concordato a Palermo, la scorsa settimana, nel confronto tra il responsabile del dipartimento sanità della Cgil iblea Angelo Tabbì e lo stesso assessore Russo e poi confermato nel successivo incontro con il direttore generale dell´Asp Ettore Gilotta è stato tradotto in un impegno formale.

Tuttavia il presidio, che da due settimane è stato attivato davanti all´ex ospedale "Hodierna", sede dell´Asp, non è stato smantellato La tenda, che ospita i precari che stanno inscenando la protesta dalla mattina alla sera ed alta notte resterà in piazza Igea fin quando non ci sarà l´atto definitivo che rende operativo il progetto che riporta al lavoro i precari della sanità.
Il segretario generale della Fp-Cgil Aldo Mattisi ed Angelo Tabbì hanno espresso «compiacimento e soddisfazione.

L´assessore è stato coerente e consequenziale rispetto all´accordo raggiunto a Palermo la scorsa settimana». La Cgil, quindi, sottolinea che «i precari hanno vinto la loro battaglia, che non è stata né facile, né breve, anche se il prossimo passo è l´adozione della delibera del direttore generale, che è l´ultimo atto per la ripresa dei servizi». Ettore Gilotta deve tuttavia formalizzare il progetto, attivando i servizi in cui saranno impegnati cuochi, ausiliari e operai. Si tratta di un progetto annuale e rinnovabile.

Il deputato regionale dell´Mpa Riccardo Minardo conferma l´avvenuta firma delle autorizzazioni: «Ritengo – sottolinea – che la prossima settimana si possa concludere il percorso così tortuoso e di incertezza degli ausiliari sanitari e degli operatori tecnici». Minardo ribadisce che «la conferma dell´impegno preso dall´assessore Russo dimostra la disponibilità dello stesso di tenere sempre in primo piano le esigenze dei cittadini e degli operatori della sanità a qualsiasi livello per garantire una sanità efficiente».

Anche Minardo si sofferma sulla protesta dei precari, che non ha avuto alcun momento di cedimento, neppure quando la soluzione della loro vertenza era stata di fatto trovata. «Sono convinto che presto la protesta dei precari possa rientrare e che possano tornare a lavorare con la garanzia di una maggiore certezza sul loro futuro occupazionale e, quindi, maggiore tranquillità per le loro famiglie ed il raggiungimento dei massimi obiettivi per i servizi essenziali da offrire all´utenza».

Tutto rinviato dunque alla firma del provvedimento di incarico da parte del direttore generale dell’Asp; difficile ipotizzare i tempi tra la delibera dell’Asp e la ripresa del lavoro da parte dei precari, condizione che il personale ha posto come prioritaria per smantellare la tenda e ritirarsi in buon ordine dal sit in. Il presidio dunque resta anche se la vertenza può dirsi conclusa.