Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1388
RAGUSA - 21/09/2007
Attualità - Venticinque ribadisce che è stato fatto tutto quello che c’era da fare

Sui lavori a Gatto Corvino
qualcuno ci mette lo zampino

"Il mancato avvio dei lavori dipende da Enel e Telecom" Foto Corrierediragusa.it

«Sulla rotatoria di Gatto Corvino abbiamo fatto tutto quello ch’era da fare, compresa l’indizione e l’aggiudicazione della gara d’appalto. Se la ditta non ha avuto la possibilità di cominciare ad eseguire i lavori tutto dipende dall’inerzia di Enel e Telecom che ripetutamente sollecitati non hanno ancora provveduto a spostare gli impianti elettrici e telefonici che interferiscono con i lavori di realizzazione della rotatoria».
Così l’assessore alla Viabilità Giovanni Venticinque (nella foto) replica al presidente del comitato di cittadini di Gatto Corvino, Giuseppe Calabrese, che aveva lamentato il mancato completamento dei lavori della rotatoria.

«I solleciti per lo spostamento degli impianti sono partiti a più riprese già nel mese di aprile dal comune di Ragusa. Addirittura nello scorso mese di giugno - dichiara Venticinque - abbiamo già liquidato all’Enel le somme di nostra competenza di 1400 euro per trasferire gli impianti ma finora non siamo riusciti ad avere alcuna risposta in merito. Della vicenda ho informato anche il Prefetto Ciliberti perché attivi tutte le procedure necessarie per porre fine a questa inerzia di Enel e Telecom, purtroppo, in questi mesi ci siamo scontrati con autentici muri di gomma. Quanto al presidente del comitato Giuseppe Calabrese, sa benissimo come stanno le cose, ed accusare la Provincia di ritardi ed altro - conclude l´assessore - mi appare alquanto strumentale e gratuito perché i miei uffici hanno rispettato i tempi e fatto anche l’inverosimile per ottenere il trasferimento di questi impianti. Mi auguro ora che, con l’aiuto del Prefetto di Ragusa, si possa riuscire ad avere almeno una risposta».