Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 874
RAGUSA - 28/02/2011
Attualità - Ragusa: le esternazioni del premier sulla scuola pubblica fanno ancora dibattito

C’era una volta la scuola pubblica... oggi quasi del tutto smantellata

Su 9 Provveditorati nell’isola, solo 5 direzioni. Il provveditore Cataldo Dinolfo si divide fra Messina e Ragusa ed è molto amareggiato: «Facile dire che la scuola va male dopo averla distrutta»
Foto CorrierediRagusa.it

«E’ facile smantellare la scuola pubblica e dire che va male». Cataldo Dinolfo (foto), uno dei 5 provveditori agli Studi della Sicilia rimasti a dirigere le 9 province, non ha peli sulla lingua nell’indicare colpe e responsabilità di una «scuola pubblica ormai alla deriva». Silvio Berlusconi? Non lo cita, ma lo spunto per fare l’analisi della scuola siciliana viene dal proprio premier e dalle sue esternazioni fatte al congresso dei Cristiani riformisti e puntualmente «travisate» dalla solita stampa di sinistra.

A fine 2011 Dinolfo andrà in pensione. Dal 2007 dirige la scuola ragusana, da circa un anno è dirigente anche del Provveditorato di Messina. La gente va via, ma i tagli non consentono nuove assunzioni. I giovani possono invecchiare! Come gli altri suoi colleghi ha il dono dell’ubiquità: un giorno nella città dello Stretto e un altro a Ragusa. Pendolare a vita. L’ultimo anno della sua carriera lo trascorre in macchina o in autobus. Le sedi principali sono le città metropolitane: Catania, Messina, Palermo, Trapani. Le altre, Ragusa, Siracusa, Enna, Agrigento e Caltanissetta sono rette a interim.

«Sta andando tutto allo sfascio- ribadisce il provveditore Dinolfo- solo tagli e niente assunzioni. Dovremmo essere in 9, ma non è stato rimpiazzato neanche il direttore regionale che è andato in pensione. Mancano persino gli ispettori che dovrebbero andare nelle scuole a controllare. Come si può criticare una struttura pubblica ridotta in queste condizioni? Ho deciso, a fine anno andrò in pensione, un provveditore in meno ai 5 già esistenti. Chiuderò la carriera a Ragusa perché sono molto legato a questo territorio e a una provincia che ritengo fra le più virtuose che esistano».


ECCO L´ATTUALE ORGANIGRAMMA SCOLASTICO DELLA REGIONE SICILIA

Ufficio X - (AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI AGRIGENTO) GRUTTADAURIA ANTONIO (reggenza)

- Ufficio XI - (AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI CALTANISSETTA) GRUTTADAURIA ANTONIO (direzione)

- Ufficio XII - (AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI CATANIA) ZANOLI RAFFAELE (direzione) -

- Ufficio XIII (AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI ENNA) BONFIGLIO MATTEO (direzione)

- Ufficio XIV - (AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI MESSINA) DINOLFO CATALDO (direzione)

- Ufficio XV - (AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI PALERMO) LEONE ROSARIO (direzione)

- Ufficio XVI - (AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI RAGUSA) DINOLFO CATALDO (reggenza)

- Ufficio XVII - (AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI SIRACUSA) ITALIA GIUSEPPE (reggenza)

- Ufficio XVIII - (AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI TRAPANI) ANELLO MARCO (direzione)