Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1303
RAGUSA - 19/02/2011
Attualità - Ragusa: sciolti i dubbi sulla chiusura delle 9 sale cinematografiche che hanno riaperto venerdì

Cineplex chiuso e riaperto per guasto alla cabina elettrica

Nessuno ha informato gli assidui fruitori del mega cinema. Fra installare un nuovo generatore e riparare la cabina, i gestori della struttura hanno scelto la seconda
Foto CorrierediRagusa.it

Perché è stato chiuso il Cineplex di Ragusa (nella foto)? I cittadini giustamente hanno pensato molte ipotesi, perché nessuno li ha informato pubblicamente. E’ stato chiuso per irregolarità o per questioni di sicurezza? No. Abbiamo fatto le verifiche necessarie e non risulta niente di allarmante e di rilevante a livello amministrativo o altro. Solo un guasto alla cabina elettrica, che non è dell´Enel. In ogni caso, il cinema ha riaperto venerdì.

Il Cineplex è stato chiuso perché la cabina elettrica che alimenta energia, di proprietà della stessa struttura, ha subito un guasto piuttosto serio. L’amministrazione del Cineplex, dovendo decidere se risolvere il problema con un nuovo gruppo generatore di energia elettrica o riparare la cabina esistente, ha optato per la seconda decisione.

Perché, spiegano addetti ai lavori, in caso di installazione di nuovo gruppo elettrogeno si deve attendere il sopralluogo e il nulla osta della Commissione provinciale pubblici spettacoli; inoltre occorre il rilascio del certificato prevenzione incendi. Un iter, oltre che costoso, troppo lungo. Si è preferito, allora, riparare la cabina guasta ed evitare i nuovi passaggi burocratici prima di riaprire le 9 sale. Sarebbero questi i motivi della chiusura provvisoria del Cineplex. In ogni caso, per questo fine settimana tutto è ritornato alla normalità.