Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:47 - Lettori online 1013
RAGUSA - 13/02/2011
Attualità - Ragusa: cominciano nella sede del Giudice di pace i corsi organizzati dall’Angec

Partono a Ragusa i corsi per Conciliatore

Primo appuntamento il 24 febbraio, prossimamente inizieranno anche a Catania. La presidente dell’Angec Maria Antonietta Miccoli: «Una grande opportunità, dopo un corso di 50 ore ci sarà la prova che attesterà il titolo abilitante di conciliatore»

Partono a Ragusa i corsi di formazione abilitante all’esercizio della professione di conciliatore professionista. Si tratta di una nuova figura professionale che in virtù del decreto legislativo 28/10 nasce al fine di gestire e dirimere i conflitti tra privati nel termine perentorio di 4 mesi.

Si verrebbe così ad attuare il principio del giudizio equo, secondo cui è giusto che un giudizio possa definirsi all’interno di un arco temporale ristretto dando altresì luogo al principio espresso all’art. 6 della Convenzione Europea dei Diritti dell’uomo.

I corsi organizzati dall’Angec (Associazione nazionale gestione conflitti), di cui è presidente nazionale l’avvocato e già conciliatore Maria Antonietta Miccoli, inizieranno il prossimo 24 febbraio e si terranno presso la sede del Giudice di Pace, per una durata di 50 ore al termine dei quali avrà luogo la prova che attesterà definitivamente il titolo abilitante.

La mediazione è un istituto in più che viene predisposto dal legislatore per risolvere le controversie, oltre a quello del giudizio, che presenta dei vantaggi in termini di economia di tempo, di costi e di risultato. Ed inoltre le norme di attuazione sono state già definite ed inserite nel pacchetto giustizia e già pubblicate in Gazzetta Ufficiale. Nel procedimento di mediazione, le parti possono avvalersi anche dell’ausilio di consulenti iscritti presso l’albo del Distretto di Corte d’Appello.

Non sarà obbligatoria la presenza dell’avvocato durante la fase di conciliazione ma ne è consigliata l’assistenza tecnico-legale in quanto sia la domanda, sia la fase procedimentale, hanno natura tecnico-giuridica e, quindi, è sicuramente opportuno avvalersi di un legale. Sono previsti controlli sull’efficienza degli organismi e sulle capacità dei singoli mediatori.

L’Angec, è un organismo di formazione e mediazione che ha sede centrale a Reggio Calabria e sedi decentrate a Ragusa, Catania, Roma e Milano ed è già accreditato al n. 105 degli organismi di conciliazione e al n. 106 degli enti di formazione. Prossima sarà l’apertura di una sede a Vittoria e a breve inizieranno anche i corsi di formazione a Catania.