Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 409
RAGUSA - 07/02/2011
Attualità - Ragusa: manca una firma al Ministero dell’Economia, s’allungano i tempi della «514»

Raddoppio 514 Rg-Ct: «marcia lenta» per Fontanarossa

La diplomazia della classe politica non incide. Il Comitato ristretto per l’autostrada, riunitosi sotto la presidenza Antoci, prepara la clamorosa marcia fissata per il 7 marzo se non si sblocca l’iter della registrazione alla Ragioneria generale del Ministero dell’Economia
Foto CorrierediRagusa.it

Qualcuno è sparito dalla scena politica, altri hanno perso i capelli o gli sono diventati bianchi, ma la Ragusa –Catania (nella foto un tratto) è ancora lì: impraticabile. La solita vergogna all´occhiello di una provincia che non riesce a incidere sui governi romani, siano essi di centrodestra che di centrosinistra. Raffaele Lombardo ci ha messo del suo recentemente per bloccare l’iter, ma dei politici ragusani chi ha il coraggio di recarsi da Giulio Tremonti per gridare tutto lo sdegno della comunità ragusana? Nessuno. Meglio organizzare una protesta plateale. Una "marcia lenta".

Il comitato ristretto della Ragusa-Catania, riunito sotto la presidenza di Franco Antoci e con la partecipazione dei componenti Riccardo Minardo, Sebastiano Gurrieri. Giuseppe Cascone, Salvo Ingallinera, Roberto Sica, Pino Lia e di Giovanni Cosentini, in rappresentanza del sindaco di Ragusa; dopo aver preso atto che l’iter riguardante la procedura di comparazione tra l’offerta del promotore e quella di altri due gruppi di imprese per l’individuazione del concessionario non è stata ancora chiusa e che persiste l’ostacolo rappresentato dalla mancata registrazione alla Ragioneria Generale del Ministero dell’Economia della delibera del Cipe del 23 luglio 2010 (approvazione dello schema di convenzione da porre a base di gara), ha deciso la strada della mobilitazione per rilanciare la questione a livello nazionale.

Si prospetta, nel caso non dovesse sbloccarsi l’iter, di promuovere una forte azione di protesta con l’organizzazione di una «marcia lenta» di autoveicoli che si terrà il prossimo 7 marzo 2011 partendo da Ragusa per concludersi all’aeroporto Fontanarossa di Catania. Il 21 febbraio 2011 alle ore 16 presso l’Auditorium della Camera di Commercio si terrà invece una riunione degli «stati generali» della Provincia di Ragusa per verificare se l’iter realizzativo della nuova autostrada Ragusa-Catania è ancora bloccato o meno e procedere così all’organizzazione della «marcia lenta» per il 7 marzo.

Nelle more il presidente Franco Antoci, a nome del comitato ristretto, chiederà un incontro all’assessore regionale alle Infrastrutture Pier Camillo Russo per avere a fianco la Regione Siciliana nell’interlocuzione col Ministro dell’Economia al quale tra l’altro verrà chiesto un incontro urgente per superare e chiarire le diverse difficoltà. L’obiettivo è quello di definire tempestivamente tutto l’iter in modo da mettere l’Anas nelle condizioni di fare scattare la procedura della comparazione tra le offerte in campo.