Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 778
RAGUSA - 01/02/2011
Attualità - Ragusa: nel collegio dei liquidatori anche Giancarlo Migliorisi e Giuseppe Sulsenti

Severino Santiapichi guiderà l´Ato Ambiente Ragusa

I nodi da sciogliere restano i ritardi nei pagamenti e la messa in sicurezza delle discariche di Scicli e Vittoria

Severino Santiapichi è il nuovo presidente del collegio dei liquidatori dell’Ato Ambiente. Insieme al magistratoci saranno l´ex assessore al Territorio ed Ambiente del comune capoluogo, ma oggi dirigente alla Provincia, Giancarlo Migliorisi, indicato quale vice presidente,ed il funzionario del comune di Vittoria e già componente il precedente collegio dimissionario, Giuseppe Sulsenti.

Questa la decisione assunta dall´assemblea dei soci che, nell´ultimo giorno utile, ha ottemperato al dettato della Regione che imponeva, per l´appunto, la nomina dei liquidatori che dovranno traghettare gli Ato, attraverso la loro liquidazione, verso i nuovi organismi di gestione del servizio di igiene ambientale, ossia il consorzio tra comuni.

I nuovi liquidatori trovano una situazione difficile. Nell´ultimo mese e mezzo ha regnato una sorta di tregua armata, grazie al prestito della Regione di un milione e mezzo di euro che ha consentito di sanare i debiti pregressi con le società che gestiscono discariche e servizio di trasferenza dei rifiuti, ma tra pochi giorni i comuni dovranno necessariamente fare fronte alle fatture maturande. Altrimenti, troveranno la discarica di Motta Sant´Anastasia sbarrata.
C’è da gestire anche il ritardo dei pagamenti da parte dei comuni, e la messa in sicurezza sia a Vittoria che a Scicli, delle rispettive di Pozzo Bollente e San Biagio ferma perché legata alla mancanza di soldi.

Per realizzare i progetti messi a punto dall´ufficio tecnico, ci vorrebbero circa 900 mila euro, per ciascuna delle due discariche. La "bonifica" della terza vasca di Pozzo Bollente, peraltro, è propedeutica all´avvio dei lavori per la realizzazione della nuova vasca: senza i preventivi lavori di messa in sicurezza, infatti, lo stesso ufficio tecnico dell´Ato si opporrà a nuovi interventi.

Discorso analogo per San Biagio, ove la messa in sicurezza della discarica potrebbe consentire la riapertura per qualche altro mese, al fine di esaurirne la capacità di abbancamento. Buone notizie solo per Cava dei Modicani a Ragusa, ove si stanno completando tutte le opere oggetto di prescrizione da parte delle autorità regionali.