Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1214
RAGUSA - 12/01/2011
Attualità - Ragusa: la ricorrenza dell’evento che cambiò il volto della Sicilia orientale 318 anni fa

"U terrimotu ranni" dell´11 gennaio 1693

Molte le commemorazioni nelle città distrutte dal sisma

Sono state molte le città della Sicilia orientale che hanno ricordato «u terrimotu ranni» dell’11 gennaio 1693.

Da Noto a Siracusa, da Ispica a Militello, ma anche a Piazza Armerina ed Enna, scampate alla scossa, sono state celebrate cerimonie solenni per ricordare i 60 mila morti di 318 anni fa. A Catania si contarono 16mila morti, a Ragusa 5mila, a Siracusa 4mila. La vecchia città di Noto sul Monte Alveria fu cancellata e ricostruita a valle facendone il primo esempio di città disegnata a tavolino dal punto di vista urbanistico. Anche Grammichele, Modica, Avola, Scicli furono ricostruite nello stile del tempo, il barocco, che ha dato fino ad oggi la cifra unitaria a tutto il Val di Noto tanto da fargli meritare il riconoscimento Unesco.

Il terremoto fu occasione di rinascita, di una ricostruzione pensata e guidata grazie alle aristocrazie del tempo, alle finanze della chiesa e degli ordini religiosi, alla maestria di scalpellini e maestri della pietra, capomastri ed architetti. Del terremoto del 1693 resta oggi un ricordo comunque vivo grazie alla sapienza dei «mastri e dei maestri» che seppero arredare città e centri storici. Un esempio che non è stato seguito negli ultimi decenni quando i centri storici hanno subito violenze architettoniche se non distruzioni.

La memoria del terremoto serva sempre da monito e punto di riferimento al di là delle commemorazioni che giustamente le amministrazioni locali hanno voluto nel giorno della ricorrenza.