Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 688
RAGUSA - 03/01/2011
Attualità - Ragusa: anche le polizze auto hanno subito lievitazioni dei costi

Assicurazioni: il 2011 è l´anno della stangata

Si spenderà dai 350 ai 400 euro mentre appena nel 2007 la polizza era di 170 euro l’anno Foto Corrierediragusa.it

Sarà una stangata. Il 2011 appesantirà i bilanci per le assicurazioni delle auto e dei motorini in particolare. Le stime delle agenzie assicurative in provincia parlano di un aumento medio del dieci per cento per sottoscrivere una assicurazione nuova e per rinnovare quella di cui si è già titolari. Ma la vera stangata sarà per i motorini.

L’aumento è del 30 per cento e per l’assicurazione di un 50 cc si spenderà dai 350 ai 400 euro mentre appena nel 2007 la polizza era di 170 euro l’anno. Vista la diffusione dei ciclomotori tra le famiglie, in molti casi ce ne sono due per nucleo familiare, si tratta di un autentico salasso tanto da indurre molti a pensare di limitare in un determinato periodo dell’anno, per esempio i quattro mesi estivi, la polizza. Alcune assicurazioni avevano addirittura manifestato l´intenzione di chiudere le filiali in Sicilia, ma per legge le assicurazioni devono coprire l´intero territorio nazionale.

«La polizza assicurativa dei ciclomotori – dice Giovanni Iozzia, agente della Sai - è raddoppiata nell’arco di due anni e questo è dovuto a fattori contingenti legati proprio al nostro territorio. E’ un fenomeno che non riusciamo a controllare e che per molti versi subiamo». Il 2010 ha fatto registrare infatti in provincia di Ragusa un’impennata di denuncie e soprattutto di sinistri a cose e persone, tecnicamente definiti «misti», che hanno determinato l’aumento. La provincia di Ragusa per alcuni settori ha superato nelle classifica delle provincie siciliane anche Palermo quando fino a qualche anno fa era relegata nella parte bassa della graduatoria.

Sono soprattutto gli incidenti con motorini che hanno fatto alzare le tariffe; gli assicuratori e gli agenti sul territorio sono sul chi vive e denunciano veri e propri raggiri per ottenere rimborsi in molti casi non dovuti. Un semplice tamponamento con lievi danni a persone e mezzo può valere fino a quattro mila euro; due punti di sutura infatti costano all’assicurazione mille 500 euro, 500 se ne vanno per la fisioterapia riabilitativa, mille euro per l’avvocato e 500 per il vero e proprio danno. Se si considerano l’alto numero di incidenti ogni giorno nelle nostre città il conto è presto fatto ed i costi si ripercuotono direttamente sulle polizze.

Gli assicuratori denunciano nelle loro comunicazioni di servizio un sistema ben organizzato ed oleato che parte dalla denuncia ben circostanziata della persona lesa agli avvocati specialisti del settore fino ad arrivare ai referti dei medici per un risultato finale che riversa i costi di un incidente, seppur lieve, sui costi finali per ognuno degli assicurati. Il classico colpo di frusta è quello che mette in moto tutto il sistema. Le statistiche dicono che in Italia si registrano un milione e 50 mila sinistri l’anno rispetto ai 200mila della Francia ed una larga parte è rappresentata dalle microlesioni come per esempio il famigerato colpo di frusta.

La provincia di Ragusa non sfugge alla regola e sembra anzi avere tante risorse, professionali e non, per attingere ai fondi delle assicurazioni spesso e volentieri senza un motivo ben circostanziato. Un abuso che tutti pagano a caro prezzo ed i primi saranno quest’anno i proprietari dei motorini.