Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1005
RAGUSA - 27/12/2010
Attualità - Ragusa: coinvolti sei istituti della provincia di ogni ordine e grado

Ragusa chiama L´Aquila per un progetto di scambio

L’iniziativa è stata presentata dal prefetto del capoluogo abbruzzese, Gianna Iurato, e quello di Ragusa, Francesca Cannizzo.

Due provincie unite dalla solidarietà e dalla condivisione di tradizioni, cultura e storia. E’ questa la sintesi di «Ragusa chiama L’Aquila», il progetto avviato da sei istituti ragusani insieme ad altrettante scuole abruzzesi.

Il progetto è stato presentato nella sala conferenze dell’istituto Fabio Besta dal coordinatore Girolamo Piparo, dirigente scolastico della scuola capofila, insieme al prefetto dell’Aquila, Gianna Iurato, e di Ragusa, Francesca Cannizzo. Presente anche il presidente della provincia Franco Antoci, il sindaco di S. Croce Lucio Schembari, insieme ai dirigenti scolastici ed ai docenti coordinatori delle scuole coinvolte; il circolo didattico Palazzelle ed il comprensivo Berlinguer di Ragusa, il liceo Campailla, l’alberghiero Principi Grimaldi e la scuola comprensiva Ciaceri di Modica, la sezione del commerciale Besta di S. Croce.

Il progetto prevede lo scambio di classi tra istituti omogenei delle due provincie e sarà realizzato nel corso di quest’anno scolastico in periodi che saranno definiti successivamente. Come hanno rilevato i due prefetti presenti, non si tratta tuttavia di assistenza o di sola accoglienza ma di un programma che prevederà la conoscenza del territorio, della cultura, delle tradizioni locali grazie all’impegno delle scuole che svolgeranno un ruolo di propulsione e di guida.

Felice della realizzazione del progetto il prefetto dell’Aquila «Sono di S. Croce ed ho vissuto a lungo a Ragusa –ha detto la Iurato- Ho voluto questa iniziativa e ho notato il grande entusiasmo con cui è stata accolta dalla comunità iblea. Anche grazie a questo per l’Aquila sarà un modo per uscire dall’emergenza». Il prefetto di Ragusa ha dato il suo sostegno «Sono onorata di partecipare come rappresentante del governo; metterò a disposizione la struttura e daremo la totale disponibilità».

Nell’ambito del progetto si inserisce anche il consorzio di tutela del cioccolato modicano che sarà presente nel capoluogo abruzzese con propri artigiani.