Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:42 - Lettori online 1087
RAGUSA - 23/12/2010
Attualità - Ragusa: lavori completati in un mese e mezzo dopo il crollo del 7 Novembre

Sgomberato dai detriti il fognolo di villa Margherita

La Protezione civile spenderà altri 255 mila euro per mettere in sicurezza tutta la zona

Il fognolo che attraversa villa Margherita è di nuovo libero. C’è voluto un mese e mezzo di lavoro ma la sicurezza in tutta l’area è stata ripristinata grazie alla rimozione del materiale di risulta che vi era finito dentro a seguito del crollo del 7 novembre. Tutto il materiale è stato rimosso ed ora le acque possono tornare a scorrere liberamente.

Le scarse piogge di questo mese e mezzo hanno favorito i lavori, che sono stati condotti a tempo pienodall’impresa incaricata dei lavori con somma urgenza. Solo una volta, la scorsa settimana, si è temuto il peggio: è avvenuto quando si è allagata l´area interessata dai lavori. Per precauzione è stato chiuso viale del Fante, mentre tutta l´area è stata bloccata. Il ritorno del bel tempo ha consentito di riprendere i lavori e riaprire viale del Fante. Adesso, i pericoli sono stati rimossi.

I lavori tuttavia non sono del tutto completati perchè la Protezione civile ha già deliberato la concessione di un contributo di 255 mila euro per ripristinare tutta la zona sovrastante Villa Margherita.

Soddisfatto il sindaco Nello Dipasquale, sia per la conclusione della prima parte dei lavori, sia per la concessione del contributo da parte della Protezione civile regionale. "Sono soddisfatto –spiega– per la celerità ed attenzione con cui sono stati portati avanti i lavori. Grazie alla piena sinergia tra ufficio tecnico, Protezione civile regionale e Genio civile è stato possibile istituire una task force che ci ha consentito di affrontare il problema e di trovare una soluzione. Non posso non ringraziare la Protezione civile regionale con il suo direttore generale ing. Pietro Lo Monaco, e l´ing. Chiarina Corallo del Dipartimento di Ragusa che, oltre a seguire i lavori, hanno fatto sì che potesse essere assegnato al Comune il contributo straordinario".

Appena saranno accreditati i fondi della Protezione civile si procederà all´avvio della seconda fase dei lavori, che saranno realizzati ancora dal Comune, ma con il monitoraggio ed il controllo del Dipartimento provinciale di Protezione civile. Entro pochi mesi, comunque, la situazione dovrebbe tornare alla normalità.