Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 1047
RAGUSA - 21/12/2010
Attualità - Ragusa: l’impegno assunto dall’assessore regionale alla sanità Massimo Russo

A Ragusa una speciale Unità di Accoglienza Prolungata

Sarà in grado di assistere persone affette da stato vegetativo o di coscienza minima in un centro specializzato

Un investimento di 650mila euro da parte dell’assessorato alla Sanità per la realizzazione di una speciale Unità di Accoglienza Prolungata, Suap. E’ l’impegno assunto dall’assessore regionale alla sanità Massimo Russo con una delegazione del Centro Risvegli Iblei onlus. La Suap sarà in grado di assistere persone affette da stato vegetativo o di coscienza minima nel centro specializzato.

Il Centro Risvegli Ibleo onlus ha già avanzato all´Asp 7 una prima proposta di massima per bruciare i tempi e iniziare a fornire le prime risposte concrete alle decine di famiglie che invocano un´assistenza adeguata per i propri congiunti. All´interno del complesso "Hodierna" di piazza Igea c´è infatti un´ala parzialmente utilizzata che, potrebbe, in tempi assai brevi, iniziare a ospitare cinque o sei mini-appartamenti in grado di accogliere le persone che necessitano di cure e assistenza e le loro famiglie.

L´Asp preferirebbe, invece, attendere il trasferimento dei reparti del "Civile" nel nuovo monoblocco e destinare alcuni locali dell´attuale ospedale al Suap. Questo tipo di soluzione ritarderebbe, però, di almeno due anni l´apertura della struttura. Per questo motivo, il gruppo promotore del Centro Risvegli Ibleo onlus non nasconde di privilegiare l´ipotesi "Hodierna" che, tra l´altro, restituirebbe la struttura di piazza Igea alla sua reale vocazione: centro di assistenza specializzata alle lungodegenze. L´associazione è comunque impegnata su questo fronte ed ha garantito al progetto il sostegno tecnico, scientifico, economico ed umano per realizzare una struttura dal grande valore sociale che risolverebbe il dramma di tante famiglie.

In questi mesi le donazioni si susseguono a favore del Centro Risvegli Ibleo; una coppia di sposi ha donato due mila euro equivalenti alla spesa per le bomboniere delle nozze ed il maestro Piero Guccione ha donato una acquaforte che sarà messa all’asta.