Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 783
RAGUSA - 07/12/2010
Attualità - Ragusa: il sindaco Dipasquale determinato ad andare fino in fondo

La giunta vuole portare l´acqua a Marina di Ragusa

Per porre fine ai costosi fitti dei pozzi privati e per "dissetare" la frazione balneare

L´amministrazione comunale vuole bruciare le tappe per portare l´acqua a Marina di Ragusa, ponendo fine ai costosi fitti dei pozzi privati, per "dissetare" la frazione balneare, nonché per portare l´acqua in tutti i villaggi a monte di Marina, facenti parte dei piani di recupero. Un processo, quello relativo al secondo obiettivo, un po´ più impegnativo per la necessità di approntare un progetto ad hoc e reperire le risorse finanziarie per realizzarlo. Per potenziare, con la realizzazione di una nuova condotta, la disponibilità di acqua a Marina, invece, si spera di poter approntare l´opera entro la prossima estate.

Dopo l´annuncio del direttore del Consorzio di bonifica, nonché vice sindaco del capoluogo, Giovanni Cosentini, inerente all´intesa che consentirà di approvvigionare il serbatoio di contrada Camemi con l´acqua dell´invaso di Santa Rosalia e di potabilizzarla grazie ad un nuovo impianto, il sindaco Nello Dipasquale ha fissato per il 20 gennaio un incontro con i cittadini che abitano nelle contrade a monte della fascia costiera per illustrare il progetto esecutivo che prevede la realizzazione della condotta.

Nel corso di una riunione tra sindaco, vice, assessore al Territorio, Salvatore Occhipinti, tecnici e funzionari del settore competente ed i rappresentanti del consorzio di bonifico (erano presenti Giuseppe Arezzo e Ignazio Iemmolo) sono stati definiti iter e tempi progettuali. Si procederà da subito con la nomina dei professionisti per le indagini geologiche, l´impianto elettrico ed i calcoli statici per le opere strutturali. Bisogna creare un fabbricato che ospiti l´impianto di potabilizzazione, una vasca di accumulo e, soprattutto, la condotta interrata lungo la provinciale Ragusa-mare con inizio dalla vasca di accumulo di Camemi, predisponendo anche i pozzetti con gli allacci alla rete di distribuzione alla varie contrade, da realizzare successivamente. Per la prima parte dell´opera è disponibile un milione e mezzo di euro. (Gazzetta del Sud)