Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:39 - Lettori online 721
RAGUSA - 03/12/2010
Attualità - Ragusa: utilizzo a tempo limitato della discarica ma solo per Scicli, Ispica e Pozzallo

S. Biagio riapre per 5 mesi, il sindaco di Scicli è possibilista

La conferenza di servizio a palazzo del Fante sull’emergenza rifiuti

Una condizione per la riapertura della discarica di S. Biagio. L’ha dettata il sindaco di Scicli, Giovanni Venticinque, alla conferenza di servizio tenutasi a palazzo del Fante alla presenza del presidente della provincia Franco Antoci, dei rappresentanti dei comuni di Ragusa, Pozzallo, Ispica, S. Croce, Vittoria, Scicli ed Acate.

S. Biagio può ripartire per un massimo di cinque mesi ma solo per i comuni di Scicli, Pozzallo ed Ispica. Modica deve rimanere fuori anche per via del debito che ha accumulato nei confronti del comune sciclitano.

Venticinque ha dovuto prendere atto della relazione di Salvatore Campo, uno dei commissari liquidatori dell’Ato Ragusa, che ha illustrato la situazione delle discariche in provincia ed ha riferito del miglioramento tecnologico della discarica sciclitana dopo i lavori che l’Ato ha realizzato nella vasca.

Un altro dei liquidatori dell’Ato, Giuseppe Sulsenti, ha spiegato che durante il periodo di utilizzazione temporanea di San Biagio andrebbe a buon fine il bando per l’effettuazione della raccolta differenziata, un altro per la gestione del compostaggio e contestualmente dovrebbe entrare a regime il Piano Regionale dei Rifiuti, che ha individuato nella nostra provincia ulteriori discariche da realizzare in tempi brevi.

Il presidente Franco Antoci da parte sua ha rivolto un appello al sindaco Giovanni Venticinque perché prenda in considerazione la richiesta dell’ATO. «Non è intenzione della mia amministrazione –ha detto il presidente Antoci- imporre decisioni coercitive nei confronti di una parte del nostro territorio a favore di un altro. Nei prossimi giorni proporremo ancora un incontro per evitare che anche nella nostra provincia nasca una tragica emergenza rifiuti.»