Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:09 - Lettori online 1706
RAGUSA - 01/12/2010
Attualità - Ragusa: si occuperà degli aggiustamenti allo strumento

Un tavolo tecnico per il piano paesistico in provincia

E’ presieduto dall’assessore Messineo, coadiuvato dal direttore generale Campo e dal sovrintendente Ferrara

Un tavolo tecnico si occuperà degli aggiustamenti al piano paesistico della provincia di Ragusa. Raffaele Lombardo ha insediato l’organismo a conclusione della riunione tenuta oggi pomeriggio a Palermo cui hanno partecipato anche l’assessore ai Beni Culturali Messineo,, il direttore generale dell’assessorato Campo ed il sovrintendente di Ragusa, Ferrara. La provincia era rappresentata dal prefetto di Ragusa, Francesca Cannizzo, dai parlamentari Riccardo Minardo, Pippo Di Giacomo, Roberto Ammatuna, Orazio Ragusa, dai sindaci di Ragusa e Pozzallo, Dipasquale e Sulsenti, dall’ assessore del comune di Ragusa, Gianquinta, dai rappresentanti delle organizzazioni di categoria, Cna, Massari, Confindustria, Taverniti, Confagricoltura, Gambuzza, Unsic, Abbate, ed in rappresentanza delle organizzazioni sindacali la Uil con il segretario Bandiera.

Il tavolo tecnico è presieduto dall’assessore Messineo, coadiuvato dal direttore generale Campo e dal sovrintendente Ferrara ed avrà il compito di verificare la compatibilità delle richieste avanzate dai parlamentari, dagli amministratori e dai rappresentanti di categoria tendenti a non mortificare le aspettative di sviluppo del territorio. L’obiettivo primario è quello di non perdere finanziamenti per aziende ed imprese che operano nelle zone che possono ricadere nelle aree vincolate. Il tavolo tecnico si è messo subito al lavoro e le prime proposte sono state subito formulate in modo da arrivare in tempo alla scadenza del 23 dicembre con un piano che soddisfi tutte le parti in causa.