Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 597
RAGUSA - 16/11/2010
Attualità - «Non solo cibo ma uno stile di vita»

La dieta mediterranea patrimonio immateriale dell´umanità

Il riconoscimento arriva da Nairobi dove si è tenuto il consesso mondiale dell’Unesco Foto Corrierediragusa.it

«Non solo cibo ma uno stile di vita» è questa la motivazione con la quale la dieta mediterranea è diventata patrimonio immateriale dell’umanità. Il riconoscimento arriva da Nairobi dove si è tenuto il consesso mondiale dell’Unesco e sancisce non solo il valore della dieta mediterranea in quanto tale ma tutta una filosofia di vita legata al patrimonio ed al prodotto locale. Vino, olio, grano, pomodoro fresco, equilibrio tra i vari ingredienti e pasti sono stati riconosciuti quale elemento che lega una comunità nazionale che in esso si identifica e soprattutto un costume alimentare che pratica.

Il riconoscimento Unesco non è dunque solo monumenti ed arte ma anche una cultura immateriale che si tramanda da generazione in generazione. Per una regione come la Sicilia il riconoscimento assume ancor di più un valore importante e deve essere stimolo per qualificare i prodotti della terra, per puntare alla qualità ed alla certificazione europea perché più sostenuto sarà da oggi la domanda sui mercati di nazioni che vorranno ispirarsi alla dieta mediterranea.

«Un successo tutto italiano» ha detto Paolo De Castro, presidente della commissione europea per l’Agricoltura- Questo atto rappresenta una leva fondamentale per la valorizzazione delle risorse agroalimentari dei paesi del Mediterraneo, sia interni che esterni, in termini di sostenibilità per l’incidenza economico-culturale che riveste il cibo. Il mix di elementi che caratterizza la dieta mediterranea ha, e deve avere, la capacità di ispirare il senso di continuità e identità delle popolazioni.

In termini economici, secondo un calcolo della Coldiretti, i prodotti della dieta mediterranea Made in Italy valgono 200 miliardi: si tratta della cifra che gli italiani e gli stranieri hanno speso per acquistare pasta, olio, vino conserve di pomodoro e frutta e verdura italiana in un anno nel mondo. Per festeggiare l’evento la Coldiretti ha organizzato in Campidoglio a Roma la prima maxispaghettata "Doc" in onore della dieta mediterranea nel giorno della decisione dell´iscrizione della dieta mediterranea nella lista del patrimonio culturale immateriale dell´Umanità dell´Unesco.