Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1060
RAGUSA - 15/11/2010
Attualità - Ragusa: a nulla sono valsi i reiterati solleciti all’assegnataria per mettersi in regola

Nove cani "sfrattati" dallo Iacp, via anche la padrona

Il presidente Cultrera si è detto dispiaciuto. Gli animali sono stati portati al canile comunale, su interessamento dell’Enpa

Quando l’Istituto autonomo case popolari "sfratta" anche i cani. Sono nove «inquilini» a quattro zampe quelli fatti sloggiare dall’edificio popolare di via Pio La Torre, al lotto 94 scala B. Assieme agli animali è ovviamente dovuta andare via anche la loro proprietaria, la cui morosità nei confronti dello Iacp aveva raggiunto 16mila euro.

Il motivo dello sfratto è difatti da ricondurre nel debito accumulato in questi mesi dall’assegnataria dell’alloggio popolare, e non perché i cani recavano disturbo agli altri inquilini. Eppure anche gli animali ci sono giocoforza andati di mezzo, e sono stati sfrattai assieme alla loro padrona. L’ente aveva più volete sollecitato l’inquilina morosa a mettersi in regola con i pagamenti, versando almeno il 20% dei 16mila euro dovuti allo Iacp e rateizzando il resto in 72 mesi. Niente da fare.

Tre accessi nell’alloggio da parte dei funzionari e altrettanti rinvii per fornire la possibilità alla famiglia di sistemare la pendenza non sono serviti a nulla. C’erano state anche le sollecitazioni verbali e scritte dell’ente per indurre la donna a produrre la documentazione del reddito annuale, come previsto dalla legge. Una documentazione da oltre cinque anni non presentata dall’assegnataria.

Inevitabile, a questo punto, lo sfratto della donna e dei suoi cani, nell’ottica della legalità tanto cara al presidente dello Iacp Giovanni Cultrera, che si è detto comunque rattristato da quella che egli stesso ha definito come una «Situazione davvero strana e particolare», per via della presenza nell’alloggio anche degli incolpevoli cani, adesso ospitati nel canile comunale grazie all’interessamento dell’Enpa, l’Ente nazionale protezione animali.