Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1483
RAGUSA - 05/11/2010
Attualità - Ragusa: il vice presidente del consiglio provinciale aveva puntato il dito

Failla su consulenze esterne Iacp, risponde Cultrera

Il presidente dell’organismo dichiara che "Solo uno sparuto gruppo di consulenti esterni è stato nominato, a costo zero per l’ente"

Ben 29 esperti esterni sarebbero stati nominati dall’Istituto autonomo case popolari di Ragusa (Iacp) nel corso dell’ultimo anno. Il dato emergerebbe dalla relazione del Procuratore generale d’appello della Corte dei conti di Palermo, in sede di consuntivo, stando a quanto reso noto dal vice presidente del consiglio provinciale Sebastiano Failla, che punta il dito sul presidente dell’organismo Giovanni Cultrera.

Secondo Failla, «Se altri amministratori avessero nominato in un solo anno un quarto degli esperti dello Iacp, si sarebbe andati incontro non solo ad un danno erariale, ma anche a conseguenze penali». Failla ha quindi chiesto al presidente della provincia Antoci di riferire, in sede di consiglio provinciale, il rendiconto dell’attività semestrale dello Iacp di Ragusa, e al presidente della Regione Lombardo di vigilare sulla spesa pubblica.

Da parte sua Giovanni Cultrera dichiara che «Uno sparuto gruppo di consulenti esterni è stato nominato, a costo zero per l’ente, soprattutto per incarichi legali di recupero morosità e per portare avanti i progetti dello Iacp».

«Disponiamo di 9 milioni di euro – dice Cultrera – per la costruzione di nuovi alloggi popolari e per la manutenzione di quelli esistenti, per i quali abbiamo speso il 50% in più rispetto allo scorso anno. Altri 100 nuovi alloggi sono in fase di realizzazione». Cultrera spiega poi che 15 dei 55 posti previsti nella pianta organica dello Iacp sono vacanti, e sette dirigenti su 40 dell’ente non possono lavorare a tempo pieno perché impegnati in politica. Da qui il ricorso ai consulenti esterni. Cultrera chiarisce infine a Failla che lo Iacp non risponde del suo operato alla provincia, ma solo alla Regione.