Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 586
RAGUSA - 03/11/2010
Attualità - Ragusa: il progetto dei voli low cost al Magliocco

Ryanair a Comiso, per Mancini della Sac "E´ normale"

Interviene anche il sindaco Alfano: "Adesso bisogna concretizzare"

La notizia dell’interessamento di Ryanair di fare una base low cost all’aeroporto di Comiso non sorprende più di tanto Gaetano Mancini. Il presidente della Sac, socio maggioritario della Soaco, società di gestione dello scalo comisano, dice: «Lavoriamo anche per far arrivare Ryanair. Comiso deve orientarsi verso il low cost ed è per questo motivo che da tempo abbiamo iniziato delle discussioni con diversi vettori che sono interessati a Comiso. I contatti sono avviati perché noi non vogliamo farci trovare impreparati nel momento in cui l’aeroporto di Comiso dovesse essere consegnato».

Il presidente Mancini batte sempre sul tasto dolente e cioè sulla mancata consegna da parte del comune di Comiso, proprietario della infrastruttura, dell’aeroporto alla Soaco. Mancici ha posto l’inizio del mese di dicembre come termine ultimo per la cosnegna alla Soaco perché Comiso possa essere operativo nella prossima estate. Dal sindaco di Comiso tuttavia non ci sono tuttavia novità. Il mondo imprenditoriale e tutto il settore che ruota attorno al turismo freme soprattutto dopo la manifestazione di interesse da parte della Ryanair di aprire un hub della compagnia irlandese a Comiso sul modello di quello di Trapani.

Rosario Di Bennardo, presidente di Confturismo, e Giovanni Occhipinti, presidente del consiglio provinciale, hanno detto la loro manifestando al tempo stesso preoccupazioni ma anche forti aspettative perché Comiso non perda l’opportunità offerta da Ryanair.

IL PROGETTO DI RYANAIR PER IL MAGLIOCCO
Ryanair vuole fare di Comiso un hub per voli low cost. La maggiore compagnia europea nel settore low cost ha manifestato la sua volontà di insediarsi a Comiso in una lettera al presidente della Confturismo, Rosario Di Bennardo, ed ha anche scritto al presidente della Regione Raffaele Lombardo per capire quali sono i programmi di sviluppo del traffico aereo in Sicilia.

Ken O’ Toole , direttore della divisione per l’apertura delle nuove rotte della compagnia irlandese, così ha scritto al presidente Di Bennardo «Crediamo che Comiso abbia tutte le potenzialità per replicare il successo che abbiamo ottenuto a Trapani. La nostra fiducia ci ha spinto di recente a scrivere al presidente Lombardo, al quale abbiamo offerto tutta la nostra disponibilità a stimolare il traffico dei passeggeri presso l’aeroporto di Comiso. Il coinvolgimento degli attori locali è fondamentale se vogliamo che la nostra offerta, diventando realtà, venga massimizzata».

Ken O’ Toole , direttore della divisione per l’apertura delle nuove rotte della compagnia irlandese «La nostra esperienza a Trapani, scrive ancora O’ Toole, dove abbiamo sviluppato il volume di passeggeri dai 30.000 del 2006 ai quasi due milioni dell’anno in corso, dimostra che il potenziale esiste, ma che esso non può essere raggiunto se non con un ampio accesso a tariffe a basso costo. Come nel caso di Trapani, Ryanair può trasformare il turismo nella regione, ma solo se l’aeroporto di Comiso verrà aperto come hub low cost della Sicilia meridionale».

Ryan Air può contare al momento in Europa su 41 basi e opera su 940 rotte dalla Finlandia alla Sicilia, dalla Scozia al Portogallo ed ha trasportato nel 2009 66milioni e mezzo di passeggeri risultando la prima compagnia aerea low cost per volume di traffico e solo alle spalle di Air France, Lufthansa e British Airways tra le compagnie aeree europee.

Comiso avrebbe dunque la possibilità di inserirsi in questo network europeo grazie a Ryanair che non parla solo di singoli collegamenti ma di un vero e proprio hub, un aeroporto cioè dove fanno base gli aerei della compagnia, come è successo negli ultimi anni a Trapani collegata con la Spagna, la Germania, la Svezia, la Norvegia, l’Olanda ma anche Bologna, Bergamo, Bari, Roma, Pisa, Genova tra le destinazioni italiane. Tocca ora alla politica ed alla società di gestione dell’aeroporto valutare la manifestazione di interesse della compagnia irlandese anche perché l’arrivo di Ryanair è condizionato da contributi sostanziosi che la compagnia chiede in termini di agevolazioni per ogni passeggero che transita per gli scali dove la compagnia opera.

Il primo passo tuttavia tocca al comune di Comiso che deve ancora provvedere a consegnare la struttura aeroportuale alla società di gestione dell’aeroporto, la Soaco. Il presidente della Sac, società maggioritaria della Soaco, Gaetano Mancini, ha affermato in un suo recente intervento che l’aeroporto potrà essere fruibile dall’estate del prossimo anno solo se questo sarà consegnato entro la fine del mese di novembre.

IL SINDACO ALFANO: "E´ GIUNTO IL MOMENTO DI CONCRETIZZARE"
"Non mi ha affatto sorpreso la lettera che la Ryanair ha inviato al nostro Presidente Provinciale dell’Associazione degli Albergatori, in quanto, io stesso, ho avuto dei contatti personali con la compagnia aerea sopracitata". Così il sindaco di Comiso Giuseppe Alfano sull´interessamento di Ryanair al Magliocco.

"Sono convinto e lo sono sempre stato - dice il sindaco - che Ryanair debba atterrare a Comiso. Di questo abbiamo ampiamente discusso con la Sac di Catania giungendo alla conclusione che la stessa è vista tra i potenziali clienti di Comiso. Perchè ciò avvenga è normale che tutte le parti interessate svolgano al meglio il proprio ruolo. Se da un lato noi ci impegneremo a consegnare al struttura nei prossimi giorni alla Soaco, dall’altro lato repentina dovrà essere la manovra della società di gestione che dovrà essere pronta a sapere quantificare i prezzi da chiedere alle compagnie aeree, perché altrimenti nessun contratto si potrà siglare.

E’ altrettanto chiaro che se il territorio ritiene di dover avere delle compagnie aeree del tipo low cost dovrà mettersi in testa che dovrà economicamente contribuire affinchè questo avvenga. Non diciamo, ovviamente, nulla di nuovo. Questo tipo di compagnie per essere competitive, richiedono un impegno da parte del territorio. Io sono assolutamente convinto che, la Provincia Regionale di Ragusa, i Comuni interessati ed e i privati debbano essere disponibili, lo hanno peraltro sempre fatto, ma adesso è arrivato il momento di concretizzare, dichiarandosi fattivamente disponibili ad investire per invogliare Ryanair a scegliere Comiso.

Ho indetto per il prossimo 9 di Novembre, quale sindaco del comune di Comiso - conclude Alfano - un incontro alla presenza del Rappresentate di Federlbarghi, delle imprese commerciali degli enti comunali interessati per cercare di capir di che tipo di risorse disponiamo ed in che tempi vogliono contribuire al «decollo» dell’aeroscalo».

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE OCCHIPINTI: "OCCASIONE DA NON PERDERE"
«Il coinvolgimento degli attori locali è fondamentale se vogliamo che la nostra offerta, diventando realtà, venga massimizzata». Al presidente del Consiglio provinciale, Giovanni Occhipinti, questa dichiarazione di Ken O’Toole, direttore di "New route develompment" di Ryanair, resa pubblica due giorni fa dal presidente di Federalbeghi, Rosario Dibennardo, gli ha martellato la testa.

«Perché non possiamo perdere questa occasione e non la può perdere l’intera Sicilia. La compagnia low cost più grande d’Europa vuole investire a Comiso ripetendo ciò che sta facendo a Trapani. Noi abbiamo il dovere di essere pronti e di impegnarci fino alla spasimo. Il Consiglio provinciale è pronto – dice Occhipinti – sono queste le cose che bisogna fare, prendere a volo l’assist che ci viene dato dalla Compagnia aerea. I catanesi devono capire che la nostra provincia vuole l’aeroporto funzionante al più presto. E siamo disposti come classe politica ad investire su questa opportunità. Ma ci pensiamo a quanti sono due milioni di passeggeri, cioè il volume che la compagnia ha fatto transitare per Trapani. Da noi, magari saranno un po’ di meno, ma saranno delle persone che ci porteranno economia, che faranno crescere il nostro Pil. Abbiamo sempre pensato e dichiarato che vogliamo incrementare il turismo. Ed allora dobbiamo agire.

Ryanair ci tende la mano ed allora lavoriamo affinchè Comiso diventi un hub low cost della Sicilia meridionale». Occhipinti conclude: «E’ necessario che gli enti locali investano risorse. Penso che sono delle risorse che porteranno ricchezza. Da parte mia sin da mercoledì coinvolgerà il Consiglio perché l’appello del direttore Ken O’Toole ed anche del presidente Dibennardo deve essere colto a volo se vogliamo che Comiso con il suo aeroporto diventi il volano della nostra economia».