Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:02 - Lettori online 1025
RAGUSA - 27/10/2010
Attualità - Ragusa: si è spento a Roma all’età di 87 anni

Il ricordo del politico ragusano Vincenzo Giummarra

Oggi i funerali a Ragusa in forma strettamente privata Foto Corrierediragusa.it

E’ morto a Roma all’età di 87 anni il politico ragusano Vincenzo Giummarra (nella foto). Giummarra è stato uno dei leader storici della Dc in provincia di Ragusa ed in Sicilia negli anni 60’ e 70’. Vincenzo Giummarra era nato a Ragusa il 9 maggio 1923 e a 29anni è già segretario provinciale della Dc. A soli 32 anni diventò segretario amministrativo regionale.

IL RICORDO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA, DEL SINDACO DI RAGUSA E DELL´ASSESSORE PROVINCIALE CAVALLO
Cordoglio del presidente della Provincia Franco Antoci per la scomparsa dell’ex presidente della Regione Siciliana Vincenzo Giummarra ed esponente politico di spicco in provincia di Ragusa. «Nell’apprendere della scomparsa dell’on Giummarra – afferma Antoci – desidero esprimere alla sua famiglia la partecipazione mia e dell’amministrazione provinciale. Giummarra è stato un protagonista della vita politica iblea dal dopoguerra fino agli anni 90 rivestendo ruoli di grande responsabilità e prestigio come quelli di presidente della Regione Siciliana, di deputato regionale ed europeo, presidente della Sicilcassa e presidente provinciale della Coldiretti.

Nella Democrazia Cristiana, assieme al compianto on Enrico Spadola, svolse un ruolo importante facendole ottenere altissimi consensi elettorali. Nel ricordare, quindi, il politico attento, competente e attivo, sento di interpretare il sentimento della comunità iblea che nell’onorevole Giummarra ha avuto un suo valido e apprezzato rappresentante».

Ha suscitato viva commozione in città la notizia della scomparsa dell´on Vincenzo Giummarra. Il Sindaco di Ragusa Nello Dipasquale, appresa la notizia esprime, anche a nome dell´Amministrazione Comunale, i sentimenti del più vivo cordoglio ai familiari del compianto illustre concittadino.

«La notizia della morte dell´amico Vincenzo Giummarra - dichiara Nello Dipasquale - a cui mi sento particolarmente legato, mi rattrista tanto. Ho infatti intrapreso il mio percorso politico a fianco dell´on Giummarra apprezzandone le grandi doti umane e la capacità di fare politica, ascoltando e recependo le richieste che venivano dal territorio, dalla sua terra, per la quale ha lavorato tanti anni. Ho appreso dai familiari, che, per volontà dello stesso on Giummarra i funerali saranno celebrati in forma privata a Ragusa». Al dolore della famiglia Giummarra si associa anche l´assessore provinciale allo sviluppo economico Enzo Cavallo. Condoglianze ai familiari dell´on Vincenzo Giummarra anche dal Corriere di Ragusa .it

LA SCHEDA DI VINCENZO GIUMMARRA
Vincenzo Giummarra viene eletto segretario provinciale della Dc nel congresso del 1954, dimettendosi poco prima di accettare la candidatura al Parlamento Regionale. Nel 1955 viene eletto deputato all’Assemblea Regionale siciliana. Per 19 anni e cinque legislature è figura di primissimo piano della politica siciliana. Nel congresso del 1964 Giummarra con una mossa a sorpresa isola il gruppo ragusano di Schininà e si lega al gruppo di Modica con la nomina di Giuseppe La Rosa. Questa alleanza gli da la maggioranza in provincia forte anche dell´apportodell´onorevole Enrico Spadola.

Con lui la Città di Ragusa riesce ad imporre il ruolo di guida della provincia grazie alle intuizioni del leader egemonico della Dc ragusana, complice l´esclusione dalla scena politica dell’on Guerrieri nel 1963. Nel 1967, diviene per poco più di un mese Presidente della Regione, e poi è Assessore all´Agricoltura del 1969 al 1970. Periodo florido per Ragusa, ma anche per Ispica, Scicli e Vittoria grazie ai contributi agricoli per la realizzazione delle serre.

Rieletto nel 1971, il 26 marzo 1974 torna presidente della Regione fino al 22 dicembre dello stesso anno. Nel 1976 rinuncia a candidarsi ed è nominato presidente della Cassa centrale di Risparmio delle province siciliane. Fu un periodo florido per molti conterranei che «profittarono» del ruolo di primissimo livello di Giummarra per ottenere agevolazioni della Cassa al fine di intraprendere attività imprenditoriali che ancora oggi contribuiscono in maniera determinante alla crescita costante del Pil in provincia di Ragusa.

È stato poi eletto europarlamentare alle elezioni europee del 1979, e riconfermato nel 1984 per le liste della Dc. È stato presidente della Delegazione per le relazioni con i paesi dell’Asia del Sud, vicepresidente della Delegazione per le relazioni con gli Stati Uniti, membro della Commissione per le relazioni economiche esterne e della Commissione per la politica regionale e l’assetto territoriale.