Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 830
RAGUSA - 21/10/2010
Attualità - Ragusa: la situazione dei siti di Scicli e del comune capoluogo

Discariche di S. Biagio e Cava dei Modicani, destini diversi

Va avanti l’iter per la messa in sicurezza di S. Biagio, mentre a Cava dei Modicani non mancano i problemi

Va avanti l’iter per la messa in sicurezza della discarica di San Biagio a Scicli. L’Ato Ragusa ha trasmesso all’Ufficio Regionale per l’Espletamento Gare d’Appalto di lavori pubblici (Urega) il Bando di Gara del progetto, che costerà 787mila 618 euro. Prevista la realizzazione di un insieme sistematico di opere ed impianti atti a mettere in sicurezza il sito della discarica comunale, quali opere di sostegno e consolidamento degli argini, predisposizione alla realizzazione del cosiddetto capping (vale a dire l’impermeabilizzazione della parte esposta) delle vasche esaurite.

E poi ancora la realizzazione di rete di drenaggio con tubazioni, disposti in trincea, convergenti in una vasca di accumulo del percolato da trasportare ad impianto di smaltimento. Il progetto, per il quale il comune di Scicli ha espresso formale approvazione, rientra tra le priorità esecutive che il collegio dei liquidatori si è dato al momento del suo insediamento, riconoscendo che tali opere sono propedeutiche al risanamento ambientale complessivo del sito. I lavori dovranno essere eseguiti entro il termine di 210 giorni dall’avvio.

E intanto la Cgil chiede la risoluzione delle problematiche che affliggono la discarica di Cava dei Modicani a Ragusa, visto che la richiesta avanzata in questo senso già dallo scorso agosto è finora rimasta inascoltata. Il sindacato lamenta, tra le altre cose, il mancato pagamento della mensilità di settembre ai 22 lavoratori, che svolgono peraltro anche il servizio in orario notturno. Lamentate altresì carenze nell’igiene e nella pulizia dei locali ufficio, con la presenza di ratti e insetti nocivi nei luoghi di lavoro, senza dimenticare le falle nella sicurezza, vista l’assenza di personale abilitato all’accesso nella cabina elettrica ad alto voltaggio e all’avviamento del gruppo elettrogeno disponibile 24 ore su 24. Un incontro urgente è stato dunque richiesto dal sindacato.