Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 465
RAGUSA - 19/10/2010
Attualità - Ragusa: mancano i soldi

Lavori completamento rotatoria di c.da Mugno bloccati

L’infrastruttura, che serve non solo il centro direzionale Asi ma anche i quartieri sud della città, è stata riaperta riaperta al traffico il 28 luglio
Foto CorrierediRagusa.it

Non ci sono soldi ed i lavori di completamento della rotatoria di contrada Mugno (nella foto) estano bloccati. L´infrastruttura, che serve non solo il centro direzionale Asi ma anche i quartieri sud della città, è stata riaperta riaperta al traffico il 28 luglio per favorire il deflusso veicolare da e per Marina, ma deve essere completata; serve il finanziamento di quattro milioni di euro che è bloccato dal ministero del Tesoro.

«Per facilitare il traffico – spiega il direttore dell´Asi, Franco Poidomani – a luglio scorso abbiamo deciso di rendere fruibile la rotatoria, realizzata con un´anticipazione di circa 400 mila euro dell´Asi. Troppo importante l´infrastruttura, in un periodo in cui, quell´area, diventa nevralgica per i collegamenti da e verso il mare. Noi abbiamo fatto quanto possibile ma non possiamo andare oltre; l’ex Cassa per il Mezzogiorno non paga perché c’è bisogno del via libera del ministro del Tesoro che non arriva»

La realizzazione della rotatoria fa parte di un intervento più complessivo che riguarda anche i due cavalcavia che insistono nell´area e, più in generale, il restyling di tutto il centro sociale dell´Asi e del piazzale intitolato a Cesare Zipelli. Una delegazione dell’Asi andrà a Roma a perorare la causa del finanziamento anche per evitare la chiusura della rotatoria che costringerebbe gli automobilisti a giri tortuosi. L’impresa appaltatrice avrebbe dovuto cominciare i lavori già a settembre ma tutto resta bloccato a meno di buone notizie da Roma.