Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1067
RAGUSA - 10/10/2010
Attualità - Ragusa: il consigliere provinciale del Pdl vuole un’ordinanza «anticciunca»

Come a Singapore, Nicosia dichiara guerra alle chewing gum

Il consigliere ai sindaci: «Le gomme sputate a terra, nelle palestre scolastiche e della città fonte di batteri e microbi per i nostri figli»

Come a Singapore. Ordinanze sindacali per vietare l’uso di gomme masticabili all’interno delle palestre. La proposta non poteva non essere del consigliere provinciale del Pdl Ignazio Nicosia (area Innocenzo Leontini) ed è diretta ai 12 sindaci della provincia.

«L’invito al presidente della Provincia e ai sindaci potrebbe far sorridere- s’interroga dubbioso lo stesso Ignazio Nicosia sull’utilità o meno della originale e singolare sortita - ma è utile perché le chewing gum lasciate nelle palestre sono fonte di batteri e microbi che attentano alla salute dei nostri figli da sotto i banchi e nelle palestre delle nostre scuole».

L’iniziativa non fa sorridere, fa scompisciare dalle risate. Non perché sia sbagliato il richiamo al senso civico e all’igiene di Nicosia; semmai perche ignora la totale mancanza del nostro senso civivo tipicamente meridionale. Con quali modalità dovrebbero essere rispettate le ordinanze? Bidelli-detective ogni mattina dovrebbero perquisire scolari, studenti e cittadini che entrano nelle scuole e nelle palestre per requisire loro le gomme masticabili. E quale dovrebbe essere la giusta punizione alla vista di uno studente o di uno sportivo in palestra che fa esercizi ginnici masticando una gomma?
Nella Repubblica asiatica, infestata di gomme in ogni luogo pubblico, il governo infligge multe salate ai trasgressori che buttano carte a terra e chi viene scoperto a importare chewuing gum va incontro a una multa di 6 mila e 100 dollari. E nessuno protesta!

La civiltà iblea, purtroppo, non è riuscita ad avere la meglio sui proprietari di cani che non rimuovono la cacca dei loro animali dai marciapiedi, sui gestori di imprese commerciali che insozzano le strade di depliant pubblicitari (che nessuno consulta e tutti buttano a terra). Lo stesso Nicosia, che sulle discariche a cielo aperto (che nessuno ha rimosso) ci ha fatto delle "collettive" fotografiche, ha pensato come faranno i sindaci e il presidente Antoci a dargli retta emenando un´ordinanza di tal fatta e ad impedire che scolari, studenti e fruitori di palestre non consumino gomme masticabili in cielo, in terra e in luoghi pubblici?