Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 870
RAGUSA - 02/10/2010
Attualità - Ragusa: il comune capoluogo festeggia il patrono d’Italia

Oggi Ragusa celebra San Francesco D´Assisi

E’ in corso, inoltre, la pesca di beneficenza che proseguirà sino a lunedì Foto Corrierediragusa.it

E’ il momento della festa esterna, oggi, domenica 3 ottobre, in onore di San Francesco d’Assisi, patrono d’Italia. Subito dopo la celebrazione del Transito, la parrocchia di piazza Cappuccini, a Ragusa, darà vita, a partire dalle 19,30, alla processione con il simulacro del santo per le seguenti strade del quartiere: via Marsala (con sosta presso il monastero), via Carlo Alberto, via Santa Maria Boscarino, via Ing. Migliorisi, via Leonardo Da Vinci, via Salvo D’Acquisto, piazza Caduti di Nassiryria (davanti l’ospedale dove è prevista la benedizione degli ammalati), piazza del Popolo, viale Tenente Lena, piazza Libertà, via Pennavaria, via Trasportino, ponte Vecchio (qui verrà effettuata una sosta per lo spettacolo pirotecnico), e quindi il rientro in parrocchia. In serata si terrà uno spettacolo musicale con la «New Pentagram Horchestra». Per la giornata di domani, inoltre, la celebrazione dell’Eucaristia è fissata nei seguenti orari: 9,30; 11,00; 18,30. Lunedì 4 ottobre, solennità di San Francesco d’Assisi, si terrà, a partire dalle 10, la celebrazione dell’Eucaristia con la partecipazione dei ragazzi delle scuole. Alle 16,30 l’inizio dell’anno catechistico, con la presentazione dei ragazzi e delle catechiste alla comunità. A seguire, alle 18,30, la santa messa.

E´ in corso, inoltre, la pesca di beneficenza che proseguirà sino a lunedì e che è stato possibile realizzare grazie al sostanziale contributo di alcuni parrocchiani che si sono impegnati nella predisposizione dell’iniziativa.

Nella foto, da sinistra a destra, accanto a don Ramondazzo, i due ministranti Giulia Guarino e Alessia Di Quattro