Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1047
RAGUSA - 21/09/2010
Attualità - Ragusa: l’incontro a Siracusa tra gli esponenti del consorzio ragusano e quello aretuseo

Università: gli studenti iblei chiedono più servizi per il nuovo anno

Ci sono carenze in laboratori, mezzi didattici, biblioteca, assistenza per l’avviamento al mondo del lavoro
Foto CorrierediRagusa.it

Per gli studenti universitari di Ragusa il bicchiere è mezzo pieno, o se volete mezzo vuoto. Promossi i professori, bocciate le strutture. Sono questi che hanno indotto alcuni studenti, soprattutto di Giurisprudenza, a chiedere il trasferimento in altra sede.

Ci sono carenze in laboratori, mezzi didattici, biblioteca, assistenza per l’avviamento al mondo del lavoro. I docenti soddisfanno gli studenti della sede di Ragusa ma l’università non è fatta di solo lezioni soprattutto nel 21mo secolo e questa verità gli studenti la conoscono fin troppo bene. Bisogna dunque migliorare i servizi e offrire opportunità se Ragusa vuole avere un futuro più certo e soprattutto a partire con il piede giusto con il quarto polo. Le riflessioni degli studenti di Ragusa , ma anche quelli di Siracusa, sono state raccolte da Demopolis, l’istituto nazionale di ricerche, che ha avuto l’incarico da parte dell’università di Catania di capire quali sono le aspettative dei giovani universitari.

Se potessero tornare indietro, i due terzi degli iscritti a Ragusa confermerebbero la scelta a suo tempo compiuta; elementi di forza, secondo l’indagine Demòpolis risultano la qualità della didattica, la competenza dei docenti ed, in special modo, la comodità offerta dalla maggiore vicinanza al luogo di residenza, che ha permesso l’iscrizione anche a chi non si sarebbe potuto permettere, per ragioni economiche, una scelta differente lontano da casa.

Il mondo degli studenti iblei manifesta molta incertezza per il futuro della sede di Ragusa e questo dubbio ha molto condizionato la platea dei possibili iscritti. Demopolis ha intervistato 300 studenti iscritti a Ragusa, un campione significativo che potrà indurre alla riflessione il consorzio che si appresta a fare scelte importanti per il futuro dell’università.

Nella foto al centro il rettore Antonino Recca, con i presidi delle facoltà e i delegati al decentramento