Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 570
RAGUSA - 08/09/2010
Attualità - Ragusa: in provincia circolano almeno 30% di veicoli in più

Ragusa "paradiso" degli evasori fiscali? Forse...

I risultati dello studio elaborato dal centro di studio Sintesi per conto del Sole 24 ore

La provincia di Ragusa conferma il primo posto. Non è un risultato di cui andare fieri, almeno per chi paga regolarmente, anche se a malincuore, le tasse. Per il secondo anno consecutivo Ragusa emerge infatti come la provincia con il maggior tasso di evasione fiscale secondo lo studio elaborato dal centro di studio Sintesi per conto del Sole 24 ore.

Seconde case, fuoriserie ed imbarcazioni sono diffusi nel nostro territorio ma alla prova dei numeri non corrisponde una equivalente capacità di contribuzione. Per la Guardia di Finanza c’è ancora un lavoro da fare per portare alla luce la fascia dell’evasione, che in provincia è ormai un dato consolidato più che altrove. Basterebbe confrontare i dati pubblicati dallo stesso Sole 24 ore sulla qualità della vita che vede a Ragusa nella parte bassa della classifica ed il tenore di vita percepibile andando per centri storici, negozi, porti, ristoranti o solo fare un giro nei parcheggi di qualche centro commerciale per avere contezza che Ragusa non sta certamente così male come gli indicatori del Sole 24 ore vorrebbero far credere. L’ esperienza empirica e dati analitici confermano che esiste una discrasia nel rapporto tra livelli ufficiali di reddito e dinamiche effettive dei consumi.

La ricerca pubblicata è incentrata sulla capacità di spesa e tenore di vita, da un lato, e reddito dichiarato dall´altro.

Sono sette le variabili utilizzare per focalizzare la capacità di spesa dei contribuenti: i consumi alimentari pro capite; quelli di energia elettrica; il consumo di carburante; la percentuale di autovetture circolanti per ogni 100 abitanti; la percentuale di autovetture di oltre 2000 di cilindrata in rapporto al parco macchine circolanti; la variazione percentuale dei depositi nel triennio e la quota percentuale di abitazioni di pregio sul totale di quelli censite.

Questi i numeri, ahimè sconfortanti, del «primato» di Ragusa e provincia. A fronte di un reddito disponibile pro capite di poco meno di 13 mila e 200 euro (oltre 22 mila e 200 mila nella "fedelissima" Bolzano), i consumi alimentari degli iblei ammontano a 2454 euro pro capite (2255 a Bolzano); quelli elettrici a 1200 euro (1061 a Bolzano); il consumo di carburante è pari a 916 litri pro capite (meno di 532 litri a Bolzano); le auto con cilindrata superiore a 2000 cc rappresentano il 6.31 per cento (12.27 per cento a Bolzano), ma risultano immatricolate quasi 64 auto ogni 100 abitanti (meno di 52 a Bolzano); i depositi sono cresciuti nel triennio del 2.38 per cento (a Bolzano dello 0.80 per cento) mentre la case di pregio in provincia rappresentano lo 0.12 per cento (a Bolzano lo 0.26 per cento). L´indice di scostamento tra reddito disponibile e benessere è dunque pari a meno 1.71 per Ragusa, mentre è positivo di 1.41 per Bolzano.