Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1092
RAGUSA - 15/08/2010
Attualità - Ragusa: irremovibile il sindaco Dipasquale

Il lungomare di Marina resta vietato alle bici dopo le 19

Il Pd aveva promosso un sit-in con una trentina di ciclisti amatoriali

Non erano in tantissimi, ma, passeggiando con le loro bici "a braccio" sul lungomare Mediterraneo, hanno certamente suscitato la curiosità di bagnanti e villeggianti. Il sit-in di protesta del Pd contro l´ordinanza che vieta le biciclette del lungomare Mediterraneo non ha però "intenerito" il cuore del sindaco Nello Dipasquale, convinto che il divieto dalle 19 alle 6 del mattino (le tabelle indicano ancora le 18) nell´area pedonale, sia più che opportuno.


L´amministrazione non farà marcia indietro: neanche l´incoerenza del provvedimento (perché non è mai stato applicato sul lungomare Doria e costituisce davvero una priorità nella caotica viabilità di Marina?) ha scalfito le convinzioni di Dipasquale: «Rispetto democraticamente, anche se non la condivido, la protesta del Pd, che ha deciso di organizzare un sit-in sul lungomare Mediterraneo per manifestare il dissenso sulla disposizione con cui si è vietato, dopo le 19 di ogni giorno, il transito delle biciclette sull´area pedonale. Posso assicurare agli amici del Pd che il provvedimento resterà in vigore, in quanto ritengo prioritaria la sicurezza e l´incolumità dei pedoni e, in particolare, degli anziani e delle famiglie che vogliono passeggiare tranquillamente, senza il pericolo di essere travolti dai ciclisti.

La splendida passeggiata pedonale del lungomare Mediterraneo, che è stato recentemente riqualificato dall´amministrazione unitamente a piazza Dogana e piazza Torre (ma il Pd ha evidenziato che ci si è dimenticato non solo di ipotizzare una pista ciclabile, ma anche più semplicemente delle rastrelliere per consentire la sosta delle bici, n.d.r.) deve essere poter fruito liberamente dalla gente. Non è un delitto aver pensato ad una zona pedonale per la quale, comunque, abbiamo deciso di consentire il transito delle biciclette prima delle 19. L´amministrazione ha lavorato e sta lavorando per dare al territorio un volto nuovo e stiamo anche verificando se è possibile realizzare delle piste ciclabili.

Abbiamo fatto tanto e tanto altro ancora faremo. Una domanda – conclude sarcastico il sindaco – vorrei farla, però, agli amici del Pd: cosa è stato fatto dalle amministrazioni di centrosinistra in materia di isole pedonali, zone a traffico limitato e soprattutto hanno mai programmato e realizzato piste ciclabili?».

Giorgio Antonelli - Gazzetta del Sud