Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 1069
RAGUSA - 12/08/2010
Attualità - Ragusa: ieri la firma del contratto a tempo indeterminato per 29 lavoratori

Consorzio universitario ibleo, gli stabilizzati e gli esclusi

Gli altri 22 dipendenti restano per il momento a spasso

Si è registrata giovedì pomeriggio nella sede del consorzio universitario di Ragusa la tanto attesa firma del contratto per l’assunzione a tempo indeterminato dei 29 dipendenti dell’organismo che hanno presentato domanda per la selezione pubblica di 14 impiegati, 31 bidelli e sei pulizieri. I 29 lavoratori hanno apposto la loro firma in calce al contratto e si godranno l’ultima metà di agosto da lavoratori assunti in maniera effettiva dal consorzio, il cui vice presidente Gianni Battaglia esprime la sua soddisfazione per il risultato conseguito.

Interlocutorio, invece, se non addirittura superfluo, il vertice di mercoledì sera in prefettura a Ragusa per fare chiarezza sul futuro lavorativo dei 22 dipendenti del consorzio universitario ibleo che no hanno accettato il bando pubblico a causa di un articolo che, a loro dire, era lesivo dei loro diritti di lavoratori perchè suonerebbe come una sorta di licenziamento preventivo, stando almeno alle condizioni poste nell´articolo del bando pubblico . Della vertenza si sta facendo soprattutto carico l’Ugl, che, a quanto pare, non nutre grandi speranze nella reale volontà del vice presidente del consorzio Gianni Battaglia di addivenire ad una soluzione rapida ed indolore, come si è evinto dal vertice di ieri in prefettura, di cui Fonte non è rimasto esattamente entusiasta. Si tenta di evitare il ricorso al giudice del lavoro. Ma nel caso si opterà alla fine per questa strada, i lavoratori sarebbero assunti e il consorzio potrebbe pagare le spese legali.