Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 814
RAGUSA - 06/08/2010
Attualità - Ragusa: fumata nera alla prima votazione per la presidenza Asi

Elezioni Asi, per due voti Motta non ce la fa. Nervosismo fra i deputati iblei

L’uscente, candidato del Pdl-Sicilia, Pd, Mpa ha ottenuto 27 voti. A Mandarà, sponsorizzato da Leontini solo 8 preferenze. 12 schede bianche
Foto CorrierediRagusa.it

Tra Gianfranco Motta e Salvatore Mandarà (nella foto) vince il nervosismo. L’uscente non ce l’ha fatta per due voti, l’aspirante ha ottenuto un risultato molto basso rispetto alle sue previsioni per sperare di farcela alla seconda votazione, prevista per giorno 11 agosto, quando il quorum per diventare presidente dell’Asi si abbasserà alla metà più uno dei votanti.

Il nervosismo scaturisce dalla delusione di entrambi i candidati, gli unici, dal momento che altri componenti del Consiglio, a cui era stato chiesto di partecipare alla contesa, hanno garbatamente declinato l’invito.

Il segreto dell’urna ha dato uno spaccato interessante dell’attuale situazione politica. Sicuramente non sono mancati i trasversalismi, a leggere i 27 voti di Motta, gli 8 di Mandarà, le 12 bianche e altre perse qua e là. Si racconta di un Innocenzo Leontini visibilmente arrabbiato per l’esito del primo round.

La lettura del voto mette in contrapposizione da una parte il Pdl-lealisti che fanno capo a Leontini, sostenitore forte di Mandarà; dall’altra il Pdl di Nino Minardo, l’Mpa e il Pd e qualcuno dell’Udc. E’ probabile, anzi certo, che alcuni appartenenti al secondo schieramento non si siano adeguati agli ordini di scuderia, altrimenti Motta sarebbe già presidente Asi a primo turno.

Nessun è rimasto contento, per cui tutti i deputati regionali e nazionali, presenti durante la votazione, dovranno di nuovo rivedersi per fare quadrare il cerchio. Previsioni? La strada per Salvatore Mandarà è troppo in salita a questo punto, può farcela invece Motta, salvo un terzo incomodo che spunti all’improvviso a guastare la festa a tutti.