Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 1119
POZZALLO - 30/11/2007
Attualità - Pozzallo - Resta nell’occhio del ciclone il Centro operativo misto

Finiscono ancora una volta alla Procura della Repubblica gli atti del consiglio comunale

I consiglieri d’opposizone Asta e Sudano pretendono chiarezza Foto Corrierediragusa.it

Resta nell´occhio del ciclone il Centro Operativo Misto di Pozzallo, di cui si è discusso anche nell´ultima seduta del consiglio comunale, i cui atti sono stati inviati alla procura della Repubblica presso il Tribunale di Modicas.

Il centro operativo misto, realizzato in base al decreto del 2004 dal Dirigente Generale del Dipartimento della Protezione Civile, nasce in seguito all’intervento degli eventi sismici del 1990.

Lo scopo che attualmente ha, è quello, vista anche la sua posizione strategica, di collaborare con la Capitaneria di porto e le forze dell’ordine portuale, in caso di calamità naturali o, come purtroppo accade a Pozzallo, in caso di sbarchi clandestini.

A tal proposito il Centro Operativo Misto di Pozzallo è collegato a strutture del PC ed in particolare al Centro Regionale per la provincia di Ragusa, al Centro smistamento Provinciale di Ragusa e alle sedi COM dei comuni di Ispica, Monterosso Almo e alla sede COC del comune di Giarratana. In sintesi, dunque, si tratta di uno spazio la cui attività non è limitata solo all’abitato di Pozzallo.

Altro dato e quello degli uffici tecnico-urbanistici di Pozzallo, che risiedono, ormai per poco, nell’immobile di via Bellini, un immobile,questo,di proprietà del Comune.

Eppure, lontana da ogni dubbio la diversità dei compiti svolti, la loro storia si incontra nella scelta di trasferire gli uffici siti in via Bellini, come quelli riguardanti i tributi e la riscossione, presso il Centro Operativo Misto di Pozzallo. Lo scopo è sconosciuto ai più, anche se sembra che non tutte le sedi, compresa quella di Via Bellini siano di proprietà del Comune, dunque il motivo sembra essere, ancora una volta, l’esigenza di risparmio.

Inoltre, i consiglieri d’opposizione Giuseppe Asta e Marco Sudano chiedono se siano state eseguite le verifiche e i relativi collaudi di legge, come anche le modifiche per rendere i locali del Centro funzionali al trasloco, come anche se si possa utilizzare uno spazio, costato, non al Comune, oltre un milione di euro, come sede per i suddetti uffici.

Il trasloco, inoltre, allontanerebbe dai cittadini alcune attività fondamentali e occuperebbe un luogo, che ha spesso ricevuto critiche per le sue scarse dimensioni.