Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 896
POZZALLO - 02/05/2010
Attualità - Pozzallo: accordo in extremis dopo una riunione convocata dal sindaco

Pozzallo: niente più sfratto per il Csr. Parola di Sulsenti

Il servizio, pertanto, non subirà alcuna interruzione, per cui anche i preavvisi di licenziamento notificati da parte del Csr al personale interessato saranno revocati

L’Amministrazione comunale di Pozzallo emanerà provvedimento di proroga della convenzione a suo tempo sottoscritta con il Csr (Centro servizi riabilitativi) per le attività del Centro Diurno per Disabili.

Il servizio, pertanto, non subirà alcuna interruzione, per cui anche i preavvisi di licenziamento notificati da parte del Csr al personale interessato saranno revocati. Questa l’importante decisione assunta dal Comune nel corso della conferenza di servizio convocata dal sindaco Giuseppe Sulsenti a Palazzo di Città.

Assente il presidente del Consorzio, ing. Francesco Lo Trovato, impossibilitato ad essere presente in quanto impegnato lo stesso giorno in una riunione del Consiglio di Amministrazione per l’approvazione del bilancio, all’incontro hanno preso parte, tra gli altri, Ettore Gilotta, direttore dell’Asp di Ragusa.

«Premesso che l’Amministrazione non ha mai messo in dubbio il sacrosanto diritto alla salute e all’assistenza degli aventi diritto – ha dichiarato a conclusione dell’incontro il sindaco Giuseppe Sulsenti - la proroga della convenzione vuole rappresentare una responsabile apertura al dialogo tra le parti, fermo restando l’intangibilità della nostra posizione per quanto riguarda il miglioramento del servizio e la stabilità dei lavoratori.

Per il resto, io credo che nessun accordo o convenzione possa prescindere da verifiche e controlli, così come per legge, che attengono alla responsabilità diretta di chi è chiamato ad amministrare la cosa pubblica.

Tra il Csr, l’Asp di Ragusa ed il Comune di Pozzallo c’è un rapporto a tre che va gestito con la massima trasparenza e con scrupoloso rispetto degli obblighi di legge. Correggere eventuali percorsi sbagliati - conclude Sulsenti - modificandoli e rinnovandoli nell’interesse dei destinatari del servizio e della collettività è scelta necessaria e virtuosa che va ben al di là di posizioni preconcette o di interessi di parte".