Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:39 - Lettori online 727
POZZALLO - 24/04/2010
Attualità - Pozzallo: lo stato di abbandono della Jameela Star e della Fortuna II

Pozzallo: navi lasciate al porto, i timori di "Città comune"

Il sindaco Peppe Sulsenti aveva di recente posto l’attenzione sulla problematica, ma senza successo

Il movimento politico "Città Comune" esprime preoccupazione per la situazione che si sta ripresentando al porto di Pozzallo in relazione al fermo delle due navi. "Le voci che vedrebbero in stato di abbandono l´equipaggio della Jameela Star - scrivono in una nota gli esponenti del movimento politico - sembrano confermare i timori che anche nel recente passato abbiamo manifestato. Se a questo aggiungiamo che la nave oltre al fermo giudiziario posto dalla Procura di Modica, ha anche i documenti di navigazione scaduti da poco e che questo comporta un ulteriore aggravio della situazione, che ripetiamo, sta penalizzando le aziende ragusane che usufruiscono della struttura portuale. Comunque la priorità oggi deve essere data al fattore umano e quindi all´equipaggio.

Non vogliamo il ripetersi di situazioni che mettono a dura prova l´equipaggio dal punto di vista economico, assistenziale e psicologico. Tutti ricordiamo la disperazione dell´equipaggio della Fortuna, messo a dura prova di sopravvivenza, che scatenò una gara di solidarietà da parte di operatori, parrocchie, caritas, comune. Il nostro auspicio - conclude Città Comune - è che "messo in salvo l´equipaggio", non rimanga la nave come relitto a paralizzare ulteriormente l´attività economica del porto".

Il sindaco Peppe Sulsenti aveva di recente posto l´attenzione sulla problematica, ma senza successo. Pare che della vicenda si stia interessando anche la Capitaneria di porto, contattando direttamente gli armatori delle rispettive navi.