Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 859
POZZALLO - 05/03/2010
Attualità - Pozzallo: il docente diede un ceffone ad un ragazzo ipovedente, suo alunno

Un solo giorno di sospensione per il prof "manesco"

In previsione anche il trasferimento dall’istituto nautico al biennio dell’istituto commerciale
Foto CorrierediRagusa.it

Sarà sospeso per un solo giorno Innocenzo Barrera (nella foto), il prof «manesco» che lo scorso gennaio strattonò e diede un ceffone ad un ragazzo ipovedente, suo alunno. Lo deciderà, fra qualche giorno, la Direzione Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale Per la Sicilia, con a capo il direttore Guido Di Stefano, salvo ripensamenti dell’ultima ora.

È stata l’ispettrice dell’Ufficio Scolastico Regionale, Giovanna Criscione, dopo aver ascoltato le parti in causa (i due ragazzi strattonati, il professore Barrera, il preside dell’istituto nautico, «G. La Pira», Attilio Sigona, oltre ad alcuni ragazzi, presenti durante l’ora quando avvenne il fatto) a portare sul tavolo del dirigente scolastico provinciale, Cataldo Dinolfo, gli estremi del resoconto degli interrogatori effettuati.

Sulle prime, la Criscione pare avesse espresso l’intenzione di combinare una sospensione per tre soli giorni (pena minima per chi commette questi atti). Le parole dei ragazzi dell’istituto, affezionati oltremodo al docente, le frasi del preside (il quale ha avuto solo parole di encomio per Barrera) e la discolpa dello stesso Barrera, mai protagonista di un gesto così inqualificabile quanto da condannare, però, hanno pesato a favore del docente pozzallese. Dai tre giorni di sospensione, pare che lo stesso Dinolfo abbia insistito, e voluto redigere a verbale, che un giorno di sospensione poteva bastare.

Oltre alla sospensione, al professore non verrà retribuita la giornata in cui dovrà forzatamente restare a casa. La richiesta sarà inviata al direttore Guido Di Stefano, il quale, solo fra qualche giorno, emetterà una sentenza definitiva sul caso. In previsione per il docente, anche il trasferimento dall’istituto nautico al biennio dell’istituto commerciale, sempre a Pozzallo, a partire, però, da settembre.

"Sono contento – dichiara Attilio Sigona, preside dell’istituto – se effettivamente la sospensione sarà di uno o di soli tre giorni. Si riconoscerebbe al docente la volontà che non c’era acredine nel gesto compiuto, ma solo un attimo di rabbia comprensibile per l’atteggiamento tenuto dai ragazzi in classe. Si salva, altresì, anche l’integrità e la professionalità di un docente stimato da tutti i pozzallesi".