Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1045
POZZALLO - 15/01/2010
Attualità - Pozzallo: lo sostiene la titolare della Gdf S.r.l.

Nessun abusivismo edilizio nella villa comunale

Daniela Santocono, amministratore unico della società che ha in concessione il sito, sgombera il campo da dubbi

Nessun lavoro abusivo all’interno del «polmone verde» della città di Pozzallo. Ne è sicura la titolare della Gdf S.r.l., Daniela Santocono, amministratore unico della società che ha in concessione la Villa Comunale, in merito ad una denuncia fatta dalle liste civiche «Pozzallo Giovane» e «Noi per Pozzallo». Secondo i due partiti, infatti, le recenti costruzioni effettuate sarebbero frutto di lavori abusivi, non concordati con l’amministrazione comunale.

"La notizia è priva di ogni fondamento – assicura la Santocono - Infatti, come possono facilmente riscontrare tutti i visitatori della Villa, non è vero che la stessa si trova in uno stato di degrado e di abbandono, né, tanto meno, è vero che all´interno siano stati eseguiti lavori abusivi. Piuttosto, è vero che in questi mesi sono stati compiuti molti lavori di manutenzione per la riqualificazione della Villa Comunale ed altri ne dovranno essere effettuati, ma tutti, si precisa, sempre conformemente alle concessione ed ai permessi resi dagli organi preposti e secondo i parametri ed i termini imposti – conclude la Santocono - dalla stessa concessione sottoscritta col Comune di Pozzallo".

La Santocono, inoltre, starebbe valutando l’ipotesi di portare in tribunale i rappresentanti delle due liste civiche, a tutela della propria immagine. "Abbiamo già dato mandato – dice la Santocono - al legale della società per tutelarne gli interessi nelle sedi opportune, qualora ve ne fossero i presupposti e tenuto conto del possibile danno all´immagine che la stessa società potrebbe aver subito dalla denuncia avanzata dai rappresentanti delle due liste di minoranza".