Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 896
POZZALLO - 08/01/2010
Attualità - Pozzallo: sono stati intanto smentiti dall’Asp i presunti disservizi degli scorsi giorni

Nuova ambulanza al presidio territoriale d´emergenza

Il presidio territoriale d’emergenza ha comunque funzionato a pieno regime

Una nuova ambulanza è arrivata al Presidio territoriale d´emergenza di Pozzallo. Dopo le proteste, nei giorni scorsi, del personale medico e di quello infermieristico del presidio medico locale, i responsabili degli uffici della Sise di Catania, la società che gestisce il 118 in Sicilia, hanno inviato una nuova ambulanza al Pte di Pozzallo.

Fino a giovedì, l’ambulanza in servizio presso il presidio pozzallese, di fatto, aveva sottratto un’ambulanza ad un presidio medico di Modica, in quanto l’automezzo in dotazione al personale medico del Pte di Pozzallo è ancora in qualche officina della Provincia per alcuni interventi manutentivi.

L’attuale ambulanza, in servizio a Pozzallo, opererà fino a quando l’altra ambulanza, quella allo stato attuale «sotto i ferri» di qualche meccanico, non sarà rimessa completamente a norma. Nel contempo, l’ambulanza «modicana» è tornata al paese natìo. E di conseguenza, l’ambulanza di Ragusa, che «copriva» temporaneamente la città di Modica, in assenza di quella inviata a Pozzallo, è tornata nella città capoluogo di provincia.

Ma la notizia più grave sembra sia un’altra. Pare che a Catania, presso la sede della Sise, vi fossero più di quindici ambulanze, tutte ferme e tutte in ottimo stato, da più di un mese.

Intanto la direzione sanitaria dell´Asp 7 di Ragusa smentisce presunti disservizi al Pte, che, anche negli scorsi giorni, ha funzionato a pieno regime, assicurando i servizi medici agli utenti, come sempre.