Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1279
POZZALLO - 11/12/2009
Attualità - Pozzallo: la consegna a Roma del «Premio per l’ambiente 2009 – Gianfranco Merli»

Riconoscimenti per i militari della capitaneria

Tale riconoscimento viene assegnato dal «Movimento Azzurro», ogni anno, ad enti, organismi e singole personalità particolarmente distintesi per il loro impegno e contributo ad una sempre maggiore sensibilizzazione alle esigenze ambientali
Foto CorrierediRagusa.it

Ancora riconoscimenti per i militari della capitaneria di Pozzallo. Dopo la notizia dei giorni scorsi della premiazione del Maresciallo Gianluca Agosta per il «Premio per l’ambiente 2009 – Gianfranco Merli», altri quattro militari della capitaneria di porto di Pozzallo hanno conseguito il prestigioso premio a Roma. Si tratta dei tenenti di vascello Ferruccio Grassia, Concetto Maltese, Raffaele Giardina e del sottotenente Francesco Cardullo (nella foto).

Tale riconoscimento viene assegnato dal «Movimento Azzurro», ogni anno, ad enti, organismi e singole personalità particolarmente distintesi per il loro impegno e contributo ad una sempre maggiore sensibilizzazione alle esigenze ambientali.

Gli ufficiali sono stati premiati con la seguente motivazione: "Per avere agito in molteplici situazioni, sempre con rigida osservanza ai valori della legalità e sicurezza irrinunciabili alla convivenza civile, garantendo la sicurezza delle realtà marinaresche in specie riferite alle tematiche ambientali. Nella sua attività, ha dimostrato capacità dirigenziali non comuni con alto senso di appartenenza al Corpo delle capitanerie di porto specie in occasione dell’apertura del porto di Marina di Ragusa.

Inoltre, nella sua attività, è riuscito spesso a dare il contributo prezioso all’individuazione dei responsabili di gravi reati contro l’ambiente marino come quello che ha determinato la rimozione del galleggiante «Vega oil» per non conformità alle normative internazionali ed avere determinato la sentenza del Tar di Catania e del Consiglio di Giustizia Amministrativa in virtù di uno dei principi cardini del diritto ambientale internazionale, il «Principio di precauzione», sancito dalla Convenzione di Rio De Janeiro del 1992, che, in questa occasione, ha avuto, la prima applicazione in campo marittimo nel mare Mediterraneo". E´ stato il tenente di vascello Ferruccio Grassia, a nome dei quattro ufficiali, a ritirare il premio nella Capitale.