Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1594
POZZALLO - 26/11/2009
Attualità - Si punta a promuovere lo sviluppo sostenibile dei Paesi confinanti con l’Unione Europea

Arriva il commercio tunisino nel porto di Pozzallo

Il programma Italia-Tunisia, che si propone di sostenere i progetti di cooperazione tra i partner tunisini e italiani, si inserisce nel quadro della strategia di Cooperazione transfrontaliera 2007-2013 dell’Enpi

Arriva il commercio tunisino all’interno del porto di Pozzallo. Si è tenuto, difatti, a Trapani, il seminario d’apertura del programma di cooperazione transfrontaliera Enpi Italia-Tunisia 2007-2013, presenti, per la città di Pozzallo, l’assessore con delega al porto, Carmelo Distefano, assieme al delegato degli operatori portuali del centro marittimo, Mario Cugno.

Il programma Italia-Tunisia, che si propone di sostenere i progetti di cooperazione tra i partner tunisini e italiani, si inserisce nel quadro della strategia di Cooperazione transfrontaliera 2007-2013 dell’Enpi (Strumento europeo di vicinato e partenariato). Si punta, in sostanza, a promuovere lo sviluppo sostenibile dei Paesi confinanti con l’Unione Europea, a ridurre le differenze del livello di vita tra questi stessi Paesi e a rilevare le sfide comuni, sfruttando le possibilità offerte dalla vicinanza delle regioni interessate. Durante l’incontro (presenti, fra gli altri anche l’assessore alla Presidenza della Regione siciliana, Gaetano Armao, oltre ad una delegazione politica ed industriale della Tunisia) è stato illustrato il primo appello per la presentazione dei progetti standard, il cui termine di scadenza, inizialmente fissato al 30 novembre prossimo, è stato prorogato al 1. febbraio 2010.

Pozzallo guarda con interesse ai mercati del Nord Africa e dell’isola di Malta, in funzione soprattutto dei 6 milioni di euro stanziati dall’Ue, equidivisi (per chi ne avanzerà richiesta) fra cinque province siciliane (Ragusa, Trapani, Agrigento, Siracusa e Caltanissetta). Il programma getta le basi per un ipotetico «ponte» commerciale con i nuovi mercati, con l’obiettivo dichiarato di rafforzare ulteriormente gli accordi con i Paesi del Mediterraneo e fornire risposte adeguate a quanti, nel mondo del commercio globalizzato, auspicano l’abbattimento delle barriere transfrontaliere. Pozzallo, inoltre, grazie alla centralità geografica della sua struttura portuale, è particolarmente interessata a questi progetti e l’assessore Distefano conta anche di essere presente, nel mese di dicembre, al secondo incontro che si terrà in Tunisia.