Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 902
POZZALLO - 16/10/2009
Attualità - Pozzallo: vertice a Palermo per discutere la problematica

Ticket studenti pendolari di Pozzallo: lunedì la risoluzione

Due le proposte che saranno avanzate

È prevista per lunedì prossimo la risoluzione dell’annosa questione dei ticket per gli studenti pendolari di Pozzallo. Una riunione, a Palermo, fra una rappresentanza politica pozzallese, (presenti il vicesindaco Attilio Sigona e gli assessori comunali Guglielmo Puzzo e Ilenia Caruso) e l’assessore regionale alla Famiglia, alle Politiche sociali e alle Autonomie locali della Sicilia, Caterina Chinnici, dove è stato fatto il punto sulla situazione dei «ticket» scolastici, utilizzati da quasi 600 pendolari pozzallesi.

Tre le ipotesi avanzate da Sigona alla Chinnici: equiparare il comune di Pozzallo ai comuni con popolazione inferiore ai 10 mila abitanti (nelle città sotto i 10 mila abitanti, la Regione Sicilia elimina il costo degli abbonamenti scolastici a carico dell’amministrazione comunale, ndr) con totale pagamento dei costi dei trasporti degli studenti pendolari; nel caso in cui non fosse possibile arrivare a questa prima risultanza, un contributo di 45 mila euro pari alla somma iscritta in bilancio quale contributo a carico delle famiglie degli studenti al fine di consentire la totale gratuità; l’autorizzazione a svolgere il servizio con ditte private per contenere i costi rispetto alle tariffe applicate dall’Ast.

Inoltre, è stata avanzata richiesta di parere legale in merito alle incongruenze tra il testo delle leggi regionali ed i relativi finanziamenti che non rispettano il dettame delle leggi. Adesso, quindi, sarà l’assessorato palermitano agli Enti Locali a dover decidere sull’azzeramento dei costi per gli abbonamenti scolastici non solo per il mese di ottobre (così come sta succedendo, a tutt’oggi, per molti pendolari) ma per l’intero anno scolastico.

Tali richieste sono state formulate, altresì, nel corso di una riunione, ieri pomeriggio a palazzo La Pira, che ha visto partecipi una delegazione di genitori di studenti pendolari ed il vicesindaco Sigona e l’assessore Caruso. A tal proposito, una nota diffusa dai Giovani del Partito Democratico di Pozzallo stigmatizza l’ipotesi avallata da Sigona di un possibile contributo a carico dei cittadini pozzallesi.

"Giovanni La Terra Bellina, rappresentante dei Giovani del Pd – era scritto nella nota - ha avanzato la proposta di indire al più presto una conferenza dei capigruppo consiliari per fissare una seduta del Consiglio Comunale per approvare una variazione di bilancio che individui altre possibilità di introito dei 45 mila euro previsti dal pagamento dei ticket sugli abbonamenti. D’altronde, a Pozzallo, gli studenti e le loro famiglie non hanno mai pagati ticket sugli abbonamenti, perché, pur di incassare cifre irrisorie, si lede il diritto allo studio dei giovani".