Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 854
POZZALLO - 17/09/2007
Attualità - I circoli della Margherita criticano il sindaco

Pozzallo e turismo
binomio (im)perfetto?

Secondo i diellini il trend è in calo Foto Corrierediragusa.it

E’ scontro in città tra il sindaco Giuseppe Sulsenti e i circoli della Margherita. A far discutere il trend delle presenze turistiche in città. In aumento per i sostenitori dell’amministrazione Sulsenti, in calo per i diellini che intervengono sul tema con una dura nota di protesta archiviando l’estate 2007come una «stagione da dimenticare».

«Perché c’è stato un calo del flusso turistico nella nostra città? -si legge nella nota siglata dai Circoli della Margherita-e a fronte di una stagione turistica «tiepida», il mese di settembre si sta rivelando un fallimento per Pozzallo.

Dai risultati di una indagine, effettuata in tutte le strutture ricettive della città, nei giudizi prevalenti degli operatori prevalgono le definizioni «non sufficiente» e «mediocre». Ne può confortarci la frettolosa affermazione, espressa da qualche presunto tecnico, che le maggiori presenze straniere hanno pareggiato il minor afflusso di italiani.»

Per Pozzallo così, a loro avviso, si tratterebbe dunque di un inversione di rotta nel trend sinora in crescita. Una contro tendenza da analizzare per escogitare rimedi e dare giusti input. «Pozzallo ha avuto un trend positivo decennale, ora bisogna correre ai ripari- chiedono infatti-, pensare al futuro in modo serio.»

E tra le ricette per la prossima stagione estiva i circoli intravedono la riconquista della Bandiera Blu. «Le politiche di mero intrattenimento non fanno conquistare nuove fette di mercato- si legge infatti nella nota di protesta- è indispensabile qualificare ancor più i servizi offerti ed avviare una politica seria di promozione del territorio. Mantenere la «Bandiera Blu» e partecipare alle principali borse internazionali di settore. Purtroppo, per qualcuno, il turismo non è più un settore in cui l’approssimazione o il bricolage possono produrre risultati.»