Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 789
POZZALLO - 09/10/2009
Attualità - Pozzallo: lo sviluppo competitivo dells struttura portuale

Il futuro del porto di Pozzallo, presentato il manifesto

Presenti alla conferenza, oltre al sindaco Giuseppe Sulsenti e l’assessore ai lavori pubblici e al porto Carmelo Di Stefano, anche il dottor Mario Cugno, rappresentante degli operatori portuali
Foto CorrierediRagusa.it

Si è svolta a Pozzallo, nello spazio cultura Meno Assenza, la presentazione del manifesto per lo sviluppo competitivo, il potenziamento e il miglioramento dei servizi del sistema portuale di Pozzallo.

Il manifesto, nato dalla sinergia tra il comune di Pozzallo, la capitaneria e gli operatori portuali, intende così presentare alla Regione, una strategia di sviluppo effettivo, in grado di sopperire alla mancanza attuale di un effettivo organo in grado di promuovere e valorizzare i servizi già esistenti, in modo che possa tener testa ai cambiamenti economici di un sistema produttivo sempre più teso verso la globalizzazione.

Tre gli obiettivi principali che i sottoscriventi si propongono di raggiungere: realizzare un’indagine di mercato finalizzata al posizionamento strategico, stilare una carta dei servizi riguardante l’area, ma soprattutto creare un apposito marchio che possa certificare e rendere riconoscibile i servizi erogati.

Presenti alla conferenza, oltre al sindaco Giuseppe Sulsenti e l’assessore ai lavori pubblici e al porto Carmelo Di Stefano, anche il dottor Mario Cugno, rappresentante degli operatori portuali.

« Il seguente manifesto-ha spiegato il dottor Cugno- rappresenta un importante punto di svolta per il futuro della struttura portuale di Pozzallo e per tutti coloro che da anni credono e investono per garantirne lo sviluppo. Esso rappresenta il passaggio da una logica delle spese ad una degli investimenti. La compartecipazione di un sistema che oltre ad appartenere a Pozzallo si appresta a divenire motore di sviluppo per l’intera provincia».