Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 619
POZZALLO - 03/10/2009
Attualità - Pozzallo: un centinaio di giovani hanno manifestato in maniera pacifica

Protesta studentesca contro il ticket per i pendolari

Contestata la decisione della giunta, che, però, non intende tornare sui suoi passi
Foto CorrierediRagusa.it

Protesta studentesca stamani davanti a palazzo la Pira, con un centinaio di giovani che hanno manifestato contro i ticket per i pendolari. Il corteo pacifico ha mosso i suoi primi passi da piazza delle Rimembranze fino ad arrivare davanti a palazzo di Città, dove, ad aspettarli, vi era il sindaco di Pozzallo, Peppe Sulsenti, e il vicesindaco, nonché assessore comunale alla cultura, Attilio Sigona. Alla manifestazione, era presente anche l’assessore comunale ai Servizi Sociali, Guglielmo Puzzo.

I giovani studenti hanno esposto al primo cittadino di Pozzallo che la delibera dei ticket scolastici per i pendolari, istituita da qualche giorno, è uno strumento che, iniquamente, toglie altri soldi dalle tasche di chi ha uno o più figli da mandare a scuola. "Il ticket sugli abbonamenti per gli studenti pendolari – dice Giovanni La Terra Bellina, fra gli studenti che hanno animato il corteo - è l’ennesima dimostrazione di come il sindaco Sulsenti e la sua giunta non siano in grado di garantire il diritto allo studio. La tassa, impopolare e scandalosa, colpisce ingiustificatamente studenti e famiglie. Siamo stanchi delle solite storie sulla mancanza di fondi".

L’amministrazione comunale ha espresso la volontà di far pagare il ticket (prendendo in considerazione, per il solo mese di ottobre, di sospendere la delibera che prevede la compartecipazione delle famiglie alla spesa per i trasporti degli studenti pendolari) dichiarando altresì che non pagheranno le famiglie che hanno un reddito medio-basso e che, comunque, per gli studenti dei primi tre anni scolastici non ci sarà alcuna tassa da versare all’Ente di palazzo La Pira. Le cifre diffuse dal sindaco Sulsenti danno l’idea di come l’amministrazione comunale stia risalendo la china nel recupero del debito che il Comune ha contratto con l’Ast.

"Le cifre parlano chiaro – dice Sulsenti – dal 2007 ad oggi, il Comune ha pagato all’Ast ben 451 mila euro contro i 727 mila euro che questa amministrazione ha trovato di debito nei confronti dell’azienda palermitana. Si aggiunga che dal consuntivo 2008 sono stati radiati ben 411 mila euro di somme per i trasporti relativi agli studenti pendolari che sono tutte rimaste a carico del Comune in quanto la Regione non ha erogato i contributi al 100% ma bensì al 30%. L’unica cosa che gli studenti, forse, non sanno è che questa amministrazione continua a pagare abbonamenti degli anni passati. E’ questo è un fatto assai grave".