Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:36 - Lettori online 1282
POZZALLO - 29/07/2009
Attualità - Pozzallo: da oggi parte l’evento nella cittadina marinara

Forza Nuova contro il Gay day: "Siamo alla deriva culturale"

Il coordinamento provinciale invita a disertare la manifestazione

"Il coordinamento provinciale ibleo di Forza Nuova, preso atto delle recenti iniziative organizzate alle locali associazioni gay, esprime la propria preoccupazione per la intollerabile deriva culturale ed etica verso cui le dichiarazioni degli organizzatori dell´evento sembrano voler spingere le nostre comunità. Affermare l’assurdo concetto che partecipare o assistere al «Gay Pride» sia un atto dovuto, segno di civiltà e di democrazia, significa infatti travisare e sovvertire quegli stessi principi di rispetto e tolleranza che le associazioni in questione rivendicano per i propri rappresentati".

Con la seconda edizione del «Gay Day», che parte oggi fino a venerdì, a Pozzallo, arriva anche il commento critico da parte della sezione provinciale di Forza Nuova, che, dalle colonne del suo blog ufficiale, invita a disertare la manifestazione "in quanto – è scritto – sottesa da una pedagogia deviante, anarchica e relativista". Già l’anno scorso, gli esponenti iblei del movimento di estrema destra si erano soffermati sull’inutilità della manifestazione pozzallese, arrivando anche a manifestare «pacificamente» davanti la sede della «Bottega Solidale», dove lo scorso 21 giugno 2008 si festeggiò in nome della diversità.

"Convinti – continua la nota - che ogni esasperato esibizionismo, lungi dall´affermare il diritto all’eguaglianza, amplifichi grottescamente il richiamo alla differenza, rinnoviamo l’invito ai cittadini pozzallesi di rifiutare ogni forma di partecipazione e coinvolgimento diretto o indiretto alla manifestazione indetta dalle associazione gay. Invitiamo, inoltre, l’amministrazione comunale ad impegnarsi concretamente nella propria attività di governo, non già per sostenere e sponsorizzare discutibili forme di rivendicazione ma per individuare soluzioni concrete ai gravi ed urgenti problemi sociali che colpiscono la nostra comunità: dalle difficoltà economiche delle giovani coppie, alla mancanza di alloggi popolari per le famiglie numerose e bisognose".