Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 632
POZZALLO - 24/07/2009
Attualità - Pozzallo: pioggia d’interventi sulla vicenda

Si accende il dibattito sulla stazione passeggeri di Pozzallo

Si preannuncia, nei fatti, assai acceso l’incontro della IV Commissione legislativa all’Ars che martedì prossimo si terrà a Palermo

Pioggia di interventi sulla stazione passeggeri di Pozzallo. Si preannuncia, nei fatti, assai acceso l’incontro della IV Commissione legislativa all’Ars che martedì prossimo si terrà a Palermo fra l’assessore regionale al territorio ed Ambiente, Mario Milone, il dirigente generale del Dipartimento regionale territorio, Rosanna Interlandi, il presidente della provincia di Ragusa, Franco Antoci, il deputato regionale del Pd, Roberto Ammatuna, il sindaco di Pozzallo, Peppe Sulsenti, l’assessore al ramo Carmelo Distefano. Sul tavolo delle trattative, la mancata autorizzazione al progetto di realizzazione della struttura, così come comunicato dalla Interlandi qualche giorno fa, sebbene siano stati già stanziati 1,5 milioni di euro al fine di iniziare i lavori.

È il sindacato della Fillea-Cgil di Ragusa, nella persona del suo segretario provinciale, Paolo Aquila, ad auspicare una ripresa del dialogo fra le parti al fine di fornire alla provincia una struttura attesa da più di sei anni.

"L’obiettivo unico e condiviso – dice Aquila - deve rimanesse essenzialmente questo: garantire alla Provincia di Ragusa la realizzazione del progetto; offrire un servizio di qualità e di civiltà ai passeggeri in transito; creare possibilità concrete di lavoro e di occupazione in un momento di drammatica crisi economica e sociale. Prevalga, dunque, l’interesse primario e generale nel concedere tutte le autorizzazioni necessarie affinché si appalti l’opera e la si realizzi entro il 2009 e si rimuovano in maniera drastica e significativa gli interessi egoistici e di parte che pure si sono evidenziati per quell’area del Porto in cui dovrebbe realizzarsi l’opera. Si affermi, così, il senso collettivo di una battaglia per il bene comune che, in primo luogo le istituzioni preposte si debbono intestare per dare risposte ai bisogni dei cittadini e non consentire privilegi di casta dei « soliti noti».

Anche il vicepresidente della provincia, Sebastiano Failla, assieme ai due consiglieri provinciali, Enzo Pelligra e Giuseppe Colandonio, presenterà un ordine del giorno, in un prossima seduta consiliare alla Provincia. "La necessità di portare – dicono i tre - avanti con fermezza le battaglie riguardanti le infrastrutture legate al diritto alla mobilità dei cittadini è ancora più cogente nella misura in cui il progetto ed il finanziamento sono già nella piena disponibilità dell’Ente e la mancata realizzazione costringerebbe la Provincia a non potere utilizzare le somme già stanziate. Oltre al danno la beffa, in un momento in cui la difficoltà di reperimento di finanziamenti è massima. Siamo certi che l’Aula sposerà questa battaglia, sensibile come è alla necessità della realizzazione delle infrastrutture che affrancheranno la Provincia sotto il profilo della mobilità.

Da parte nostra – concludono i tre esponenti politici - continueremo a vigilare e attenzionare tutte le opere che hanno a che fare con la mobilità, convinti come siamo che sia la strada per il rilancio dell’economia della provincia iblea".

Era stato il presidente della Provincia, Franco Antoci, due giorni fa, a rilasciare una dichiarazione dove «invitava» il primo cittadino ad evitare le polemiche e a lottare sinergicamente per far stanziare la somma prevista alla Provincia. Si attende per oggi la replica da palazzo La Pira.