Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 674
POZZALLO - 07/07/2009
Attualità - Pozzallo: la richiesta del presidente dell’Asd Pozzallese Salvatore Guastella

Servono fondi per lo stadio comunale di Pozzallo

L’impianto non subisce interventi di riqualificazione dal lontano 2003

Fondi per rimettere a nuovo lo stadio comunale di Pozzallo. È quanto richiede il presidente della Asd Pozzallese, Salvatore Guastella, la squadra che, il prossimo settembre, sarà ai nastri di partenza del campionato di calcio di prima categoria. Guastella, in sintesi, chiede un incontro col primo cittadino di Pozzallo, Peppe Sulsenti, al fine di chiarire se gli incontri agonistici che sosterrà la Pozzallese dovranno, come negli ultimi due anni, essere disputati in un impianto sportivo lontano dalla città marittima o se il primo cittadino ha intenzione di finanziare la riqualificazione dello stadio comunale. Incontro, quello auspicato da Guastella, che il primo cittadino ha sempre, nei giorni scorsi, posticipato e che, con l’avvio della nuova stagione agonistica, lo stesso Guastella non intende più rimandare.

"C’è necessità – dichiara Guastella – di pianificare la stagione agonistica al meglio, visto che mancano poche settimane all’avvio del campionato. Una cosa è certa. Lo stadio è inagibile ma non capisco quali motivazioni avrebbe il sindaco per le quali non si voglia mettere mano al portafoglio al fine di ridare uno stadio sicuro ai pozzallesi. In fondo, con una cifra congrua, non esagerata, si può ridare l’impianto ai tanti tifosi pozzallesi".

A Guastella non è piaciuta la dichiarazione resa lo scorso settembre dal primo cittadino di Pozzallo che, in una nota ufficiale da palazzo La Pira, avrebbe garantito l’agibilità dell’impianto entro poche settimane. "Da quella nota – aggiunge Guastella – nulla è più successo. Abbiamo giocato a Rosolini con enormi spese da affrontare. Ci dica il sindaco se dobbiamo continuare a giocare a Rosolini o fra le mura amiche". Per la cronaca, l’impianto non subisce interventi di riqualificazione dal lontano 2003.